15000 morti e poca agricoltura, l’economia russa soffre la canicola

10 Agosto 2010, di Redazione Wall Street Italia

L’ondata di caldo in Russia ha provocato piu’ di 15000 morti e sta creando danni economici pari a 15 miliardi di dollari, ovvero l’un per cento del Prodotto interno lordo nazionale.

Solo a Mosca si contano 7000 morti per il caldo, il bilancio delle vittime su scala nazionale è almeno due volte questo numero. Così sostiene Jeff Masters, confondatore di Weather Underground, un servizio meteo online che divulga informazioni su quello che avviene in tutto il mondo.

Il Primo Ministro Vladimir Putin ha preso oggi un volo per spegnere un incendio nella zona sud di Mosca. L’ondata di caldo potrebbe tradursi in un taglio dell’1% della crescita dell’economia russa, in gran parte a causa dei pochi frutti cresciuti quest’anno. Ma anche delle ridotte attivita’ in altri settori, diversi da quello agricolo. Lo sostiene Alexander Morozov, economista del HSBC Holdings Plc a Mosca.

Putin ritiene che per colpa della siccita’ la Russia potrebbe raccogliere meno di un terzo di grano rispetto all’anno scorso.