111 ANNI: “SCUSATE SE HO VISSUTO TANTO”

20 Giugno 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Tokyo, 20 giu – “Scusate se ho vissuto così tanto”. Con queste parole il nuovo “decano” dell’umanità, il giapponese Tomoji Tanabe, che ha girato la boa dei 111 anni, ha commentato il ricevimento dell’attestato di “uomo più vecchio del mondo” dal Guinness dei primati. Il signor Tanabe è nato nel lontano settembre del 1895 nella prefettura di Miyazaki, sull’isola meridionale di Kyushu, che ospita numerosi altri centenari. “Non è un evento speciale” ha infatti reagito l’anziano all’“eccitazione” pubblica che ha circondato il riconoscimento del suo primato, attestato con un documento ufficiale consegnatogli personalmente dal sindaco del suo villaggio natale di Miyakonojo. “Ho vissuto troppo tempo, sono confuso”, ha detto ancora Tanabe, che ha così “raggiunto” in notorietà la sua compatriota Yone Minagawa, 114 anni, decana dell’umanità, anche lei originaria di Kyushu. Ingegnere informatico, Tomoji Tanabe sostiene che la sobrietà, accompagnata da un’alimentazione sana, a base di vegetali e povera di lipidi, sia alla base del segreto della sua longevità. Il giapponese è divenuto l’uomo più vecchio del mondo in seguito alla morte di Emiliano Mercado del Toro, originario di Porto Rico, deceduto il 24 gennaio a 115 anni di età.