WALL STREET: S&P E NASDAQ CHIUDONO A NUOVI RECORD

3 dicembre 1999, di Redazione Wall Street Italia

Euforia senza precedenti alla borsa di New York, con due degli indici – S&P 500 e Nasdaq – che hanno superato i nuovi massimi storici assoluti. ”Panic buying”, cioe’ panico da acquisto, lo chiamano i trader: nessuno ha voluto essere lasciato fuori da un gran rialzo del mercato Toro.

Dopo le buone notizie dal fronte dell’economia, gli investitori hanno celebrato gettandosi a comprare titoli, convinti di un fatto: il clima continua ad essere ultra-favorevole per l’investimento sul mercato azionario, soprattutto in una borsa come quella degli Stati Uniti. Mai situazione era apparsa cosi’ foriera di prosperita’ e ricchezza per milioni di investitori.

E il presidente Bill Clinton se ne e’ attribuito il merito, rivendicando la bonta’ delle scelte della sua amministrazione in una conferenza stampa alla Casa Bianca: ”Abbiamo creato 20 milioni di posti di lavoro – ha detto il presidente – e’ uno scenario molto diverso, questo rispetto a 7 anni fa, quando fui eletto”. ”Il tasso di disoccupazione e’ al minimo degli ultimi 29 anni – ha continuato Clinton – e a febbraio sara’ battuto il record della piu’ lunga fase di espansione economica nella storia americana”.

Con le buone notizie sul fronte economico, in assenza di inflazione e alla luce di un’economia robusta che continua a creare posti di lavoro (il tasso di disoccupazione e’ del 4,1%, il minimo degli ultimi 29 anni, salari e stipendi sono cresciuti a novembre solo dello 0,1%), Wall Street ha reagito con un rialzo potente, insistito, diffuso.

Tutti gli indici principali – Dow Jones, Standard & Poor’s e Nasdaq – hanno polverizzato i precedenti record assoluti intraday. I ribassisti hanno gettato la spugna, coloro che avevano comprato contratti put sugli indici o su singole azioni hanno dovuto ricoprirsi, contribuendo cosi’ alla forte crescita dei prezzi.

Alla fine l’indice Dow Jones e’ sceso sotto quota 11.300 (dopo averla in precedenza abbondantemente superata, passando anche il record storico di quota 11.326), ma ha chiuso comunque in forte rialzo: 247,12 punti (+2,24)% a quota 11.286,18. Lo Standard & Poor’s 500 ha terminato la seduta in rialzo di 24,27 punti (+1,72%), alla nuova quota record di 1.433,31. Il Nasdaq infine ha chiuso in salita di 67,84 punti (+1,96%) (dopo essere salito intraday di quasi 100 punti) alla nuova quota record di 3.520,62. L’indice dei titoli tecnologici ha messo a segno un rialzo del 61% dall’inizio dell’anno.

Sul fronte obbligazionario, le buone notizie economiche hanno facilitato una ripresa dei prezzi, con il titolo del Tesoro Usa a 30 anni in rialzo a 98,22 e il rendimento in calo per la prima volta da vari giorni al 6,26%.

In borsa, il Dow Jones e’ cresciuto grazie al propellente soprattutto dei titoli finanziari, come American Express (AXP) in salita di oltre 5 dollari, e J.P. Morgan (JPM), in rialzo di 4 e 1/2, Citigroup (C) in crescita del 5,2%, e inoltre da blue chips come General Electric (GE)in rialzo di +2,5% (dopo un upgrading della First Boston), Ibm (IBM) molto comprata tra i teconologici insieme a Hewlett-Packard (+5%). Buona performance anche per General Motors (GM).

L’indice Nasdaq ha continuato ad essere sospinto da forti acquisti sul settore internet, che e’ cresciuto mediamente del 3,5%. In forte rialzo le blue chips del comparto come Amazon.com (AMZN) e Yahoo! (YHOO), che oggi ha raggiunto il nuovo massimo storico. E’ scesa tuttavia, per ragioni ancora non chiare, l’azione del produttore di computer Gateway (GTW), in calo di oltre il 2%.

Ma ecco la lista dei primi dieci titoli piu’ trattati al New York Stock Exchange, alla chiusura, con i rispettivi volumi, prezzi e variazioni percentuali (verificare dati e grafici su QUOTAZIONI INTERATTIVE):

(CPQ) Compaq Computer Corporation 32,877,600; 26.063 +0.125 (+0.48%);

(AOL) America Online, Inc. 28,636,300; 78.125 -1.875 (-2.34%);

(TYC) Tyco International Ltd. 21,045,700; 37.625 -0.938 (-2.43%);

(LU) Lucent Technologies Inc. 14,812,600; 81.000 +0.500 (+0.62%);

(C) Citigroup Inc. 14,727,300; 57.188 +3.188 (+5.90%);

(IBM) International Business Machines Corporation 14,679,900; 112.000 +6.750 (+6.41%);

(PFE) Pfizer Inc 14,162,800; 35.750 -0.281 (-0.78%);

(T) AT&T Corp. 11,904,400; 57.000 +0.906 (+1.62%);

(TJX) TJX Companies, Inc. 10,566,200; 19.750 -0.875 (-4.24%);

(DIS) Walt Disney Company 10,020,800; 27.875 +0.031 (+0.11%);

Ed ecco la lista dei primi dieci titoli piu’ trattati al mercato elettronico del Nasdaq, alla chiusura, con i rispettivi volumi, prezzi e variazioni percentuali (verificare dati e grafici su QUOTAZIONI INTERATTIVE):

(DELL) Dell Computer Corporation 44,081,500; 45.313 +0.375 (+0.83%);

(MSFT) Microsoft Corporation 32,049,700; 96.125 +1.313 (+1.38%);

(CSCO) Cisco Systems, Inc. 24,891,100; 95.563 +2.063 (+2.21%);

(ORCL) Oracle Corporation 18,675,100; 78.688 +2.750 (+3.62%);

(WCOM) MCI WorldCom, Inc. 18,531,400; 80.938 +1.500 (+1.89%);

(INTC) Intel Corporation 18,271,000; 78.688 +1.125 (+1.45%);

(FCSE) FOCUS Enhancements, Inc. 16,828,200; 6.750 +1.563 (+30.12%);

(DISH) EchoStar Communications Corporation 14,163,500; 74.813 +3.813 (+5.37%);

(CHTR) Charter Communications, Inc. 12,029,100; 26.313 +1.188 (+4.73%);

(SUNW) Sun Microsystems, Inc. 11,780,200; 142.000 +6.000 (+4.41%).

Hai dimenticato la password?