WALL STREET: NUOVO RECORD DOW JONES, POI GIU’

13 dicembre 2006, di Redazione Wall Street Italia

*Marco Bonelli, Managing Director di Raymond James, e’ molto conosciuto tra gli investitori istituzionali e i trader italiani. I suoi commenti quotidiani di meta’ seduta sull’andamento della Borsa Usa (comprese le indicazioni di trading operativo e le posizioni rialziste) non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, disclaimer ufficiale di WSI.

_______________________________________

La sessione di oggi si e’ aperta in denaro. Il dato macro sulle vendite al dettaglio per il mnese di novembre ha fatto segnare il maggior rialzo da luglio. AirTra ha fatto un’offerta di acquisto di $290 milioni per Midwest Air. Home Depot (HD) ha confermato la propria intenzione di espansione in Cina con l’acquisizione di The Home Way. IL prezzo del greggio e’ in rialzo di oltre l’1% a $61.70 al barile

Al momento, l’indice Dow Jones e’ in rialzo di 13 punti a 12329, il Nasdaq e’ invariato a 2431 e l’S&P500 guadagna 2 punti a 1414.
L’indice VIX e’ al livello di 10.35.
Lindice “advance/decline” sta facendo registrare una lettura di +400.
Positivi i settori linee aeree, prodotti caratcei e carbone; in ribasso invece prodotti agricoli, ferrovie, biotecnologia e brokers assicurativi.
I volumi sul NYSE sono di 616 milioni di titoli scambiati.

TRADING OPERATIVO:

Questa mattina, BBY e’ in ribasso dell’1.5%.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link style="color:blue">INSIDER

DA QUI ALLA CHIUSURA:

Domani mattina, saranno pubblicati i dati macro sui prezzi import-export e sulle richieste di nuovi sussidi di disoccupazione.

POSIZIONI RIALZISTE:

SSTI (APERTA IL 29/12 A $5.16; CHIUSA IL 20/7 A $3.90; PERF. –24.14%)

FILE (APERTA IL 25/1 A $27.35; CHIUSA IL 26/7 A $31.60; PERF +15.54%)

BBY (APERTA IL 28/7 A $44.95; ATTULE $46.53; PERF +3.52%)

PDS (APERTA IL 19/9 A $32.70; CHIUSA IL 31/10 A $28.60; PERF -12.54%)

BORSA: NEW YORK SALE CON WAL-MART E CONTINENTAL,PESA GREGGIO

Indici in lieve rialzo a Wall Street dopo il dato, migliore delle attese, delle vendite al dettaglio negli Usa, che rafforza l’ottimismo sull’andamento dei consumi. A limitare i guadagni è però intervenuto il petrolio sopra i 61 dollari, spinto dal calo superiore alle attese delle scorte energetiche Usa.

A novembre le vendite al dettaglio negli Usa sono aumentate dell’1,0%, contro attese medie per un tasso di appena lo 0,2%, ben comprati dagli investitori, in particolare, i titoli della grande distribuzione, come Wal-Mart, che alle 19 italiane circa guadagna 50 centesimi a 45,98 dollari, e il rivale Target Corp, +27 centesimi a 57,99 dollari.

Ma il clima rialzista riguarda il settore dei trasporti aerei, galvanizzato dalle indiscrezioni secondo cui Continental Airlines (+2,19 dollari a 45,07) avrebbe allo studio un progetto di fusione con United Airlines (+2,27 dollari a 45,50) per creare il maggior vettore aereo del mondo. La febbre delle fusioni e acquisizioni contagia anche le linee aeree, con l’offerta ostile di AirTran Holdings su Midwest Air Group che fa pensare che anche qui ci sia aria di consolidamento: i due gruppi sono in rialzo rispettivamente di 19 centesimi a 12,54 dollari, e 1,91 dollari a 10,99.

A Wall Street tira anche il settore delle costruzioni, con ben 15 titoli sui 16 che compongono il paniere di Wall Street in rialzo dopo che la Mortgage Bankers Association, che riunisce gli operatori del settore dei mutui, ha fatto sapere che l’indice delle domande per acquistare casa o rifinanziare un mutuo esistente è aumentato di oltre l’11%. Fra i maggiori rialzi si distinguono Toll Brothers (+2,9%), e Pulte Homes, +78 centesimi a 33,88 dollari. Forte anche Apple Computer (+1,48 dollari a 87,62) che ad aprile dovrebbe lanciare un telefono cellulare. L’indice delle blue chip, lo Standard & Poor’s, guadagna lo 0,06% a 1.413,21.

Viaggia a 12.323 (+0,06%) l’indice industriale Dow Jones, mentre il listino tecnologico Nasdaq cede lo 0,15% a 2.428,00, appesantito da Celgene (-2,22 dollari a 55,32) che ha fatto sapere che Barr Pharmaceuticals intende mettere sul mercato una versione del suo trattamento contro il tumore, il Thalamoid.

Hai dimenticato la password?