WALL STREET: NESSUN AIUTO DA BEN BERNANKE, ANZI

8 novembre 2007, di Redazione Wall Street Italia

Gli indici americani sono passati in rosso dopo le prime parole del presidente della Federal Reserve Ben Bernanke di fronte alla commissione economica congiunta di camera e senato al Congresso. Bernanke ha parlato di ““crescita fortemente rallentata per i prossimi mesi”, senza pero’ lasciar trapelare se la Banca Centrale americana e’ disposta a tagliare ulteriormente i tassi d’interesse. Dopo 45 minuti di trading, il Dow Jones perde lo 0.55%, il Nasdaq lascia sul terreno l’1.08%. I listini cercano di resistere alle pressioni ribassiste, dopo la tremenda ondata di vendite di ieri, costata al Dow Jones 361 punti.

Lo scenario e’ ancora molto incerto. A riportare un cauto ottimismo sui mercati erano state nel pre-borsa le notizie di M&A, un classico segnale di forza per le borse. Ad occupare la scena e’ il comparto minerario: il colosso BHP Billiton (BHP), n.1 mondiale, ha avanzato una proposta di acquisto sulla rivale anglo-australiana Rio Tinto (RTP). L’operazione, valutata circa $110 miliardi, quindi tra le maggiori in assoluto mai impostate in borsa, sembra essere stata temporaneamente respinta da Rio, il cui titolo e’ schizzato +34% nel preborsa.

Resta sotto tono invece il comparto tecnologico a causa della deludente trimestrale annunciata dal gigante delle infrastrutture network Cisco Systems (CSCO) nell’after hour di ieri sera. Cisco lascia sul terreno piu’ del 7% nei minuti iniziali dopo aver comunicato un outlook poco favorevole per i prossimi mesi, segnalando come la crisi del credito stia iniziando a produrre effetti negativi anche a livello aziendale (che poi e’ la massima preoccupazione per gli investitori: l’ effetto domino dalla finanza all’economia reale).

Tra le altre societa’, American International Group (AIG) ha riportato un calo del 27% dei profitti nell’ultimo trimestre; in serata, dopo la chiusura delle borse, il colosso dell’intrattenimento Walt Disney (DIS) comunichera’ i numeri trimestrali. Riflettori puntati, inoltre, sulle societa’ del comparto retail in occasione della comunicazione delle vendite comparate del mese di ottobre. A salire in avvio sono Wal-Mart (WMT), Target (TGT) e McDonald’s (MCD).

Pensi davvero che informazioni gratis possano bastare, in un mercato come questo? Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link style="color:blue">INSIDER

Il dato macro diffuso negli ultimi minuti ha evidenziato una condizione del mercato del lavoro in miglioramento. Nell’ultima settimana, le nuove richieste di sussidio da parte dei disoccupati sono diminuite di 13 mila unita’ ad un livello inferiore a quello stimato dagli economisti. Grande attenzione sara’ riposta nell’intervento di Ben Bernake al Congresso (16:00 ora italiana) per capire in che direzione si muoveranno i tassi d’interesse nei prossimi mesi. Non e’ certo pero’ che che le indicazioni del n. 1 della Federal Reserve saranno precise.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico, il petrolio e’ tornato a guadagnare terreno, verso i recenti massimi. I futures con consegna dicembre guadagnano $1.24 a $97.61. Sul valutario, l’euro e’ in rialzo nei confronti del dollaro, a quota 1.4663. L’oro avanza di $3.20 a $836.70 all’oncia. In rialzo i Titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ sceso al 4.3140%.

Hai dimenticato la password?