WALL STREET INCASSA IL COLPO ALLA GREENSPAN

19 dicembre 2000, di Redazione Wall Street Italia

I mercati si riprendono dallo choc iniziale: il ‘bias’ positivo e’ come una cambiale firmata Greenspan: sara’ onorata. Si dovra’ aspettare gennaio, ma la riduzione del costo del denaro ci sara’. Le quotazioni cercano ora un punto di equilibrio con i profitti societari.

(verifica quotazioni indici aggiornate in tempo reale in prima pagina)

Sui listini in generale sono in rialzo il settore del brokeraggio, semiconduttori, PC, biotech, calzaturiero, sanitario, petrolifero, bevande analcoliche, cartario, ristorazione.

Perdono il settore telefonico, assicurativo, veicoli commerciali pesanti, giocattoli, edilizia, aereospaziale, commercio.

Per una copertura completa vedi anche: Tassi: Usa, la Fed li lascia invariati al 6,5%, Usa: Clinton, non lascio in eredita’ la recessione, Tassi: un glossario per interpretare la Fed, Tassi: tutti gli uomini della Federal Reserve, Tassi: Usa, tutti i numeri all’esame della Fed e Tassi: Usa, il dilemma di Alan Greenspan .

Hai dimenticato la password?