WALL STREET IN RALLY IN UNA SEDUTA ABBREVIATA

23 novembre 2007, di Redazione Wall Street Italia

I listini hanno chiuso la seduta (terminata con tre ore di anticipo per il ponte del Thanksgiving Day) in buon rialzo. Il Dow Jones ha guadagnato l’1.42% a 12980, l’S&P500 l’1.69% a 1440, il Nasdaq e’ salito dell’1.34% a 2596. Dopo i bruschi cali degli ultimi giorni che avevano spinto gli indici ad una correzione del 10% dai massimi di meta’ ottobre, gli operatori sono tornati a puntare sull’azionario, sperando in una buona risposta dei consumatori alle numerose offerte commerciali lanciate dalle aziende del comparto retail.

Il “Black Friday” (il giorno dopo la festa del Ringraziamento) e’ storicamente noto per aprire ufficiosamente la stagione dello shopping natalizio. Sara’ interessante valutare le vendite delle grosse catene di vendita al dettaglio (Wal-Mart, Target, Circuit City, ecc.) per avere un quadro dettagliato sullo stato di salute delle famiglie americane alle prese con il forte aumento dei prezzi energetici, la debolezza del mercato immobiliare e la crisi del credito.

Mercato difficile? Si’, e con le news gratis, non vai da nessuna parte. Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link style="color:blue">INSIDER

Diversi centri commerciali e grandi magazzini hanno aperto le porte alle 5 del mattino per permettere ai consumatori di beneficiare delle numerose offerte e occasioni appositamente studiate per questo periodo. Da un sondaggio effettuato dalla CNN pero’, il 67% dei consumatori ha annunciato che quest’anno spendera’ meno per i regali natalizi rispetto allo scorso anno. Gli ultimi dati sulla fiducia dei consumatori inoltre hanno mostrato un livello dell’indicatore ai minimi degli ultimi due anni.

Come tipicamente accade in una giornata semi-festiva (con molti operatori lontani dal floor del Nyse e dalle operazioni di trading), il volume di scambi si e’ attestato a livelli nettamente inferiori alla media. Molti analisti hanno raccomandato cautela e suggerito di attendere segnali piu’ significativi la settimana prossima per capire se il movimento giornaliero sia da interpretarsi come l’inizio del “classico” rally di fine anno o una semplice parentesi positiva.

Tra i singoli titoli si sono distinti in positivo Wal-Mart (WMT) e Home Depot (HD). Bene i colossi specializzati nella vendita di prodotti tecnologici Best Buy (BBY) e Circuit City (CC). Sugli scudi anche i titoli finanziari (American Express, Citigroup e JP Morgan), ultimamente pressati dalla crisi del credito.

In evidenza anche il comparto aereo supportato dalle voci di un’apertura ad un possibile merger da parte di UAL Corp (proprietaria della American Airlines) alla rivale Delta Airlines (DEL). A fornire un relativo supporto al settore in avvio era stato anche l’iniziale ritracciamento del greggio che ha poi recuperato sul finale. I futures con consegna gennaio sono avanzati di 76 centesimi a $98.05 al barile.

Sugli altri mercati, sul valutario, dopo essersi spinto fino ad un nuovo record di $1.4966 l’euro ha ritracciato rispetto al biglietto verde stabilizzandosi a quota 1.4830. L’oro e’ avanzato di $26.10 a $824.70 all’oncia. In rialzo anche i Titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ sceso al 4.012%.

parla di questo articolo nel Forum di WSI

Hai dimenticato la password?