VOCI DI ACQUISTO
SU REUTERS
IL TITOLO VOLA +30%

4 maggio 2007, di Redazione Wall Street Italia

Il mondo dell’editoria globale è in fermento. Dopo l’offerta della News Corp ([[NWS]]) del magnate australiano Rupert Murdoch per acquistare il controllo del gruppo Dow Jones ([[DJ]]) (e dopo le notizie sulla volonta’ di Microsoft ([[MSFT]]) di acquistare Yahoo! ([[YHOO]]) ci sarebbe stata una proposta d’acquisto anche per il gruppo Reuters ([[RTRSY]]), tanto che il titolo attualmente ha incrementato il valore di oltre il 25%. A puntare al controllo della Reuters sarebbero, secondo indiscrezioni, lo stesso gruppo Murdoch il «data provider» Thomson Financial ([[TOC]]) o la Dow Jones ([[DJ]]).

OFFERTA – «Non c’è ancora la certezza che un’offerta venga effettivamente presentata o che ottenga le necessarie autorizzazioni», ha reso noto successivamente la stessa Reuters.
Tra gli ostacoli che potrebbero frapporsi all’acquisizione su Reuters giungono alcune clausole inserite nello statuto della compagnia mirate a preservare l’integrità giornalistica. Tra le restrizioni apportate, la più importante riguarda quella che impone a ciascun investitore di non detenere oltre il 15% dei titoli Reuters emessi sul mercato.

Leggi anche:
REUTERS: GLOBE & MAIL, COLLOQUI IN CORSO CON THOMSON

Tuttavia in Borsa si accentua l’impennata del titolo Reuters, che a Londra cresce del 26% 617,75 pence, portando la capitalizzazione a 7,5 miliardi di sterline, pari a 14,9 miliardi di dollari (oltre 11 miliardi di euro).

Copyright © Corriere della Sera per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved

Hai dimenticato la password?