Nato, Trump smaschera Germania: ipocrita con la Russia

12 luglio 2018, di Alessandra Caparello

Un vertice all’insegna del nervosismo quello di ieri a Bruxelles per la Nato con un agguerrito Donald Trump che spiazza gli alleati chiedendo di stanziare non più il 2 bensì il 4% del loro PIL nazionale per il budget della Difesa.

La Casa bianca conferma così anche Rumen Radev, il presidente bulgaro il primo a parlarne ai cronisti. Il segretario generale dell’alleanza, Jens Stoltenberg, ha fatto solo un riferimento vago:

“Mi concentrerei sul 2%, che è quello che abbiamo concordato”.

Sebbene Trump abbia dichiarato vittoria, sostenendo di aver convinto i partner ad aumentare l’esborso per la Difesa di 33 miliardi di dollari (vedi video sotto), il presidente americano ha ridimensionato le sue aspettative firmando una dichiarazione congiunta dai toni un po’ generici.

“Condivideremo equamente la responsabilità della nostra difesa reciproca. Tutti gli alleati hanno aumentato le loro spese per la Difesa, i loro investimenti in capacità militare e il numero delle forze nelle operazioni. (…) Dobbiamo fare di più e ci saranno nuovi progressi: siamo ancorati all’impegno in materia di investimenti nella difesa presi nel 2014 e renderemo conto ogni anno dei piani nazionali per onorarlo”.

Solo 4 paesi europei della Nato rispettano gli impegni

Il riferimento al 2014 è quindi sempre al 2% del PIL. Prima del vertice Trump ha incontrato a margine la cancelliera Angela Merkel dopo aver accusato duramente prima di partire per l’Europa proprio la Germania, indicata come schiava della Russia per la sua dipendenza dal gas e poco propensa a pagare oltre l’attuale 1% del PIL per la difesa.

“L’Unione europea rende impossibile ai nostri agricoltori, lavoratori e alle nostre imprese di fare affari in Europa. Abbiamo un deficit commerciale di 151 miliardi di dollari, e poi vogliono che noi li difendiamo allegramente con la Nato e gentilmente paghiamo per questo. Non funziona! (…) La Germania è  totalmente controllata dalla Russia a causa della sua dipendenza dal gas naturale russo. Gli Stati Uniti spendono in modo pesante per difendere la Germania dalla Russia e la Germania finisce per pagare miliardi e miliardi di dollari ogni anno alla Russia”.

Trump ha anche posto l’accento sull’ipocrisia della Germania nel trattamento degli affari con i russi. “La Germania che noi dobbiamo difendere dalla Russia con sanzioni militari è la stessa che manda miliardi a Mosca per comprare il suo gas? Che ha un ex Cancelliere (Schroeder) a capo  del gasdotto Nord Stream 2? A che serve la Nato se invece di difenderci da questo paese ci facciamo affari?”

Un vertice all'insegna del nervosismo quello di ieri a Bruxelles per la Nato con un agguerrito Donald Trump che spiazza gli alleati chiedendo di stanziare non più il 2 bensì il 4% del loro PIL nazionale per il budget della Difesa. La Casa bianca conferma così anche Rumen Radev, il presidente bulgaro il primo a parlarne ai cronisti. Il segretario generale dell'alleanza, Jens Stoltenberg, ha fatto solo un riferimento vago:
"Mi concentrerei sul 2%, che è quello che abbiamo concordato".
Sebbene Trump abbia dichiarato vittoria, sostenendo di aver convinto i partner ad aumentare l'esborso per la Difesa di 33 miliardi di dollari (vedi video sotto), il presidente americano ha ridimensionato le sue aspettative firmando una dichiarazione congiunta dai toni un po' generici.
"Condivideremo equamente la responsabilità della nostra difesa reciproca. Tutti gli alleati hanno aumentato le loro spese per la Difesa, i loro investimenti in capacità militare e il numero delle forze nelle operazioni. (…) Dobbiamo fare di più e ci saranno nuovi progressi: siamo ancorati all'impegno in materia di investimenti nella difesa presi nel 2014 e renderemo conto ogni anno dei piani nazionali per onorarlo".

Solo 4 paesi europei della Nato rispettano gli impegni

Il riferimento al 2014 è quindi sempre al 2% del PIL. Prima del vertice Trump ha incontrato a margine la cancelliera Angela Merkel dopo aver accusato duramente prima di partire per l'Europa proprio la Germania, indicata come schiava della Russia per la sua dipendenza dal gas e poco propensa a pagare oltre l'attuale 1% del PIL per la difesa.
"L'Unione europea rende impossibile ai nostri agricoltori, lavoratori e alle nostre imprese di fare affari in Europa. Abbiamo un deficit commerciale di 151 miliardi di dollari, e poi vogliono che noi li difendiamo allegramente con la Nato e gentilmente paghiamo per questo. Non funziona! (...) La Germania è  totalmente controllata dalla Russia a causa della sua dipendenza dal gas naturale russo. Gli Stati Uniti spendono in modo pesante per difendere la Germania dalla Russia e la Germania finisce per pagare miliardi e miliardi di dollari ogni anno alla Russia”.
Trump ha anche posto l'accento sull'ipocrisia della Germania nel trattamento degli affari con i russi. "La Germania che noi dobbiamo difendere dalla Russia con sanzioni militari è la stessa che manda miliardi a Mosca per comprare il suo gas? Che ha un ex Cancelliere (Schroeder) a capo  del gasdotto Nord Stream 2? A che serve la Nato se invece di difenderci da questo paese ci facciamo affari?" [caption id="" align="alignnone" width="2772"] Gli Usa sono il paese che ha speso di più nel budget per la Difesa della NATO (3,57% del Pil). Foto di Truong Giang/AFP via Getty Images[/caption] Nonostante gli attacchi di Trump pare che l'incontro bilaterale però sia stato positivo, stando alle dichiarazioni dei due leader alla fine e lo stesso Trump ha affermato:
"Abbiamo un rapporto fantastico con la Germania. Credo che il nostro commercio aumenterà, un sacco di cose aumenteranno".
Nel 2006 gli alleati della NATO hanno preso l'impegno di spendere il 2% del PIL nella Difesa. Dieci anni dopo solo quattro paesi europei (Grecia, UK, Estonia e Polonia) hanno rispettato gli impegni. Germania e Italia sono fra i paesi più "pacifici". Résultat de recherche d'images pour "expenses NATO defense budget"

Nonostante gli attacchi di Trump pare che l‘incontro bilaterale però sia stato positivo, stando alle dichiarazioni dei due leader alla fine e lo stesso Trump ha affermato:

“Abbiamo un rapporto fantastico con la Germania. Credo che il nostro commercio aumenterà, un sacco di cose aumenteranno”.

Nel 2006 gli alleati della NATO hanno preso l’impegno di spendere il 2% del PIL nella Difesa. Dieci anni dopo solo quattro paesi europei (Grecia, UK, Estonia e Polonia) hanno rispettato gli impegni. Germania e Italia sono fra i paesi più “pacifici”.

Hai dimenticato la password?