Poste Italiane

Poste Italiane S.p.A. è l'azienda leader nella gestione del servizio postale in Italia, per l'appunto. Non solo, negli anni è diventata una delle più importanti società di servizi, in quanto operativa anche nel settore finanziario, assicurativo e della telefonia mobile. Dopo la quotazione in Borsa, seguendo l'esempio di aziende europee simili, Poste Italiane ha inoltre acquisito partecipazioni in aziende di trasporto di merci ed è entrata nel gruppo SDA Express Courier.

Fondata nel 1862 come azienda monopolista per i servizi postali e telegrafici con committenza statale. È diventata Società per Azioni dal 27 Ottobre 2015 sotto la guida di Luisa Todini, Presidente, e Francesco Caio, attuale Amministratore Delegato, con i quali è quotata nell'indice FTSE MIB della Borsa di Milano dal 21 Dicembre dello stesso anno.

Il Ministero dell'Economia e delle Finanze detiene circa il 60% del capitale sociale, mentre vigilanza e controllo sono in carico al Ministero dello Sviluppo Economico. Il 70% delle azioni è detenuto dai, cosiddetti, investitori istituzionali, il restante 30% è riservato al pubblico indistinto e ai dipendenti, per questa quota valgono le seguenti regole: lotto minimo di azioni acquistabili dai dipendenti è di 50 e multipli, agli stessi venne all’epoca garantito l’acquisto di 100 azioni, per il pubblico indistinto, invece, l'acquisto minimo è stato fissato a 500 azioni e multipli.

Fino al termine del 2016, con possibile proroga fino al 2026, Poste Italiane è tenuta all'erogazione del servizio universale, ossia la consegna di lettere e pacchi a un prezzo calmierato (Legge numero 73 del 22 Maggio 2010).

Tutto quello che devi sapere su Poste Italiane, l'andamento sul mercato azionario e quello dei buoni fruttiferi e le notizie sul futuro dell'Azienda.

Breaking news