TLC E NUOVO MERCATO DEPRIMONO PIAZZA AFFARI

30 novembre 1999, di Redazione Wall Street Italia

Seduta in flessione a Piazza Affari.
Il mercato borsistico milanese conferma l’andamento al
ribasso gia’ evidenziato nel corso della mattina e alle 15:25 segna una perdita del Mibtel dello
0,69% a 24.879 punti, mentre il Mib30 cede lo 0,92% a 35.982.
A condizionare la seduta, in particolare, i ribassi nel
comparto dei telefonici. La scuderia di Colannino, infatti,
continua a far registrare un andamento in flessione con
Tecnost cedente il 4,12% a 2,33 euro, Telecom il 2,45% a
10,77 euro, Tim il 2,38% a 7,78 euro ed Olivetti l’1,61% a
2,13 euro.

Prosegue, inoltre, la caduta del nuovo mercato che, dopo
i fortissimi rialzi della settimana scorsa, continua a far
registrare flessioni diffuse.

Sospesi piu’ volte per eccesso
di ribasso i titoli tecnologici in contrattazione,
confermano in ogni caso perdite consistenti. Opengate cede
al momento il 12,33% a 64 euro, mentre Olidata lascia sul
terreno il 10,78% a 5,05 euro. Lettera anche su Tiscali che
perde il 7,69% a 152,5 euro. Ancora sospesi Finmatica, Prima
industrie, Tecnodiffusione Italia e Poligrafica S. Faustino.

Hai dimenticato la password?