Tassa sui ricchi: Francia vuole far pagare anche gli espatriati

21 dicembre 2012, di Redazione Wall Street Italia

Parigi – Da quando ha rinnegato il suo paese, tutti lo vorrebbero, da Londra a Mosca. Prima del suo trasferimento ufficiale in Belgio, Gérard Depardieu ha annunciato di aver ricevuto anche dal presidente russo Putin un’offerta di cittadinanza. Pare sia pronto gia’ anche il passaporto.

Il governo francese, in polemica sull’esilio fiscale dell’attore, ha avanzato l’idea di tassare gli espatriati, un’ipotesi gia’ emersa durante la campagna presidenziale per Nicolas Sarkozy.

Interpellato al Senato, il ministro delegato al Bilancio Jerome Cahuzac, ha evocato questa idea come una ‘traccia’. Si tratta, ha spiegato il ministro, di evitare ‘che chi sceglie di vivere al di fuori dei nostri confini venga esonerato dagli obblighi fiscali che queste persone hanno verso il paese dove sono nati, sono cresciuti, sono stati educati, formati, dove spesso hanno incontrato la prosperita’ se non la fortuna’.

In sostanza, ha spiegato, ‘un paese al quale devono molto e dove, penso, hanno torto nell’esentarsi da oneri che vengono richiesti al fine di essere corretti’. Il presidente della Repubblica, ha detto Cahuzac, ‘ha suggerito che i trattati fiscali vengano rivisti, credo che questo sia l’unico modo per evitare l’espatrio per motivi fiscali’ senza citare i paesi interessati. (Radiocor)

Hai dimenticato la password?