SEAT: PAURE E DUBBI PER MILIONI DI AZIONISTI

23 dicembre 2000, di Redazione Wall Street Italia

E’ stato per i primi mesi del 2000 il titolo speranza. Un titolo del settore media, con una società leader nel suo campo che ha anche aiutato il Mib30. Poi il crollo, a fasi alterne, fino a perdere il 70%.

Nell’ultima seduta pre nataliza Seat ha recuperato il 4,55% chiudendo ad un prezzo di riferimento di 2,413 euro.

Meglio dei 2,355 euro della fine della scorsa settimana ma sempre lontano dai massimi di pochi mesi fa quando il titolo arrivò a 6,635 euro. Ma erano altri tempi, quei primi mesi di quest’anno che sta per finire quando le Borse, Nasdaq in testa, sembravano inarrestabili.

E più vicina ai minimi raggiunti nell’anno: 2,262 euro.

Quali le cause?

Sicuramente il mercato non ha apprezzato, o comunque ha creato disturbo il fattore tecnico, la conversione delle risparmio in ordinarie. Molti risparmiatori in possesso di entrambe le azioni hanno infatti venduto le ordinarie per avere liquidità e coprire la conversione.

Secondo alcuni analisti, il titolo, sebbene leader nell’editoria e in Internet, era sopravvalutato e in conseguenza del calo dei tecnologici l’azione Seat ha perso non solo smalto, ma anche interesse.

Ora c’e’ chi come la società di analisi Axia sostiene che il titolo si riprenderà con un target nel medio periodo a 3,20 euro.

E’ tutto da vedere. Anche perchè circa le attività di Seat, ci sono sia prospettive che interrogativi.

Primo fra tutti il caso di Telemontecarlo. La ex televisione di Cecchi Gori sulla cui vendita l’Antitrust si dovrà esprimere non prima di metà gennaio del prossimo anno. Una decisione che potrebbe anche essere negativa.

Ma ha anche influito negativamente la decisione della Huit Sarl di far scendere al 4% la sua partecipazione nella società delle Pagine Gialle.

Per capire meglio cosa c’è dietro la sigla Seat PG vediamo quali sono le attività principali del gruupo.

– RACCOLTA DI PUBBLICITA’ sia per le proprie produzioni editoriali (Pagine Gialle, Pagine Gialle on line, Tuttocittà, Annuario Seat), sia per quelle in concessione come gli elenchi telefonici per conto di Telecom.

– ELENCHI TELEFONICI che produce per conto di Telecom.

– DIRECT MARKETING

-INTERNET Gestione dei portali Virgilio e Pagine Gialle on line e quello di Tin.it.

Per quanto riguarda il bilancio i ricavi consolidati nei primi nove mesi del 2000 sono pari a 1.745,6 miliardi di lire, il 4,5% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.
Buoni i risultati consolidati: l’utile netto del gruppo al 30 settembre è stato di 59,1 miliardi di lire, mentre la capogruppo ha segnato un utile di 86,7 miliardi di lire contro i 290 del 1999.

Sull’utile netto pesano i maggiori ammortamenti extraoperativi a causa delle fusioni e i maggiori oneri finanziari.

Tra i programmi del gruppo Seat c’e’ un sempre maggiore coinvolgimento nelle attività di comunicazione e informazione, di business to business, e business to consumer.

Inoltre, dopo la fusione con Tin.it, la società potrà sfruttare le sinergie che saranno ancor più integrate – in qualità di gruppo multimediale integrato – con l’acquisizione del 75% dei due canali televisivi di TeleMonteCarlo.

Operazione quest’ultima che prevede un aumento di capitale di 250 miliardi per risanare TMC.

Ampio anche il ventaglio delle controllate come Buffetti, Matrix, Kompass Italia. E le acquisizioni estere: Consodata in FRancia e TDL Infomedia e Mondus in Gran Bretagna.

Hai dimenticato la password?