Scongiurata nuova divisione Bitcoin: prezzi sfiorano $8.000

9 novembre 2017, di Redazione Wall Street Italia

Di Matteo Oddi

L’annuncio ha provocato il caos sui mercati delle criptovalute: l’hard fork SegWit2x che aveva l’obiettivo di aumentare la dimensione dei blocchi della blockchain di Bitcoin è stato annullato e il valore di Bitcoin che era in un primo momento schizzato al rialzo a 7.900 dollari, è crollato in caduta libera in seguito. SegWit2x era programmato al blocco numero 494.784 e doveva avere luogo intorno al 16 novembre.

Il capo del progetto SegWit2x, Mike Belsh nella nota dichiara: «Purtroppo, è chiaro che non abbiamo raggiunto un consenso sufficiente per un aggiornamento. Continuare per questa strada potrebbe dividere la comunità e costituire una battuta d’arresto per la crescita di Bitcoin. Questo non è mai stato l’obiettivo di Segwit2x»

Comunque i promotori di Segwit2x ritengono ancora ovvio che in futuro sarà necessario un aumento della capacità dei blocchi della blockchain e sperano che questa venga aumentata non appena sarà stato raggiunto il consenso di tutte le parti interessate.

Il prezzo del Bitcoin ha sfiorato gli 8,000 dollari, attestandosi a 7.879 dollari ieri, immediatamente dopo la pubblicazione della lettera firmata dagli amministratori di alcune grosse società di Bitcoin, tra cui Xapo, Bitmain e Blockchain.info in cui si spiega che la separazione del Bitcoin è stata annullata perché avrebbe “diviso la comunità”.

 

La separazione in due avrebbe raddoppiato il volume delle operazioni con Bitcoin, ma una volta abbandonata l’iniziativa il Bitcoin – che ha già subito due separazioni quest’anno, con la creazione delle criptovalute Bitcoin cash e Bitcoin gold – è salito sul nuovo massimo assoluto. Subito dopo ha ripiegato e al momento il valore di Bitcoin è di circa 7.260,88 dollari (-1,75%).

Bitcoin, Segwit 2x

Hai dimenticato la password?