Rialzo mercati, Gartman riscontra “anomalia”: “state attenti”

20 settembre 2017, di Daniele Chicca

L’avanzata senza sosta delle Borse, con sei su dieci mercati azionari mondiali principali che sono saliti di prezzo nelle ultime 24 ore. Solo quattro dei listini di Borsa che compongono l’indice internazionale stilato da Dennis Gartman, autore della lettera agli investitori più seguita di Wall Street, hanno perso terreno. Ma le variazioni di prezzo non sono state in alcun caso superiori all’1%.

Dal punto di vista geografico, l’unico trend evidente sembra essere che le Borse asiatiche sono state un po’ più deboli delle controparti occidentali. In generale, l’attività è molto bassa come dimostrano i volumi ai minimi record. Il fatto che gli scambi siano così contenuti e i volumi tanto sottili in un contesto di continuo rafforzamento dei mercati, è un’anomalia che – come tutte le stranezze – dovrebbe far suonare un campanello d’allarme.

Gli investitori possono continuare a essere rialzisti, e dovrebbe esserlo, secondo Gartman, ma con un’estrema cautela. L’anomalia potrebbe spezzarsi dopo che nella serata italiana la Federal Reserve annuncerà quella che potrebbe essere una storica decisione (una riduzione del suo bilancio nell’ambito di un processo di normalizzazione dei tassi di interesse).

“Mentre i contratti sull’S&P 500 salgono su nuovi livelli record, il volume si è ristretto e ristretto ancora”, fa notare Gartman nella sua ultima newsletter finanziaria. “Riteniamo che sia anomalo che i volumi non seguano il trend e in questo caso l’andamento è positivo mentre i volumi sono in calo”.

“Le anomalie – conclude Gartman – ci raccontano delle storie, è una lezione che abbiamo imparato nel corso degli anni e questa anomalia ci dice che anche se il trend di Borsa è positivo e dovremmo rimanere rialzisti, dovremmo farlo con prudenza: dovremmo essere moderatamente rialzisti, con un certo timore, e soprattutto non dovremmo essere “aggressivamente” rialzisti”.

Quanto alle posizioni precise da tenere sui mercati, Gartman e soci non hanno cambiato strategia di investimento: sono lunghi sull’oro denominato in euro e yen, sono lunghi anche sul mais tramite il fondo comune ETF relativo.

Hai dimenticato la password?