PIAZZA AFFARI CHIUDE IN RIBASSO SEGUENDO NY

29 dicembre 2000, di Redazione Wall Street Italia

Piazza Affari chiude l’ultima giornata di contrattazioni del 2000 in rosso sulla scia negativa di Wall Street in una giornata con volumi e spunti scarsi.

Il Mibtel ha ceduto l’1% a 30.323, il Mib30 ha perso l’1,3% a 43.719 e il Midex è rimasto praticamente piatto a quota 33.911.

Nel 2000 il Mibtel è cresciuto del 7,9% mentre il Mib30 è salito del 5,4%.

Piazza Affari ha iniziato bene la giornata per poi piegarsi nelle ultime due ore a causa dell’apertura negativa di Wall Street.

Nel settore bancario, Bnl ha brillato con un +2% a 3,27 euro dopo che la banca ha ceduto dei crediti difficili da riscuotere.

Tra gli energetici, Edison è salita del 2% a 11,90 euro. Il resto del settore è rimasto depresso, inclusa Eni (-2,1% a 6,80 euro) che anche oggi aveva sfiorato la soglia dei 7 euro.

Lettera anche sugli editoriali. Seat ha perso il 3,2% a 2,37 euro mentre Espresso ha ceduto il2% a 9,12 euro.

Tra i telefonici, le holding del gruppo di Colaninno sono state duramente colpite da vendite: Olivetti ha perso il 2,7% a 2,54 euro e Tecnost ha ceduto il 3,4% a 2,82 euro.

Nel Nuovo Mercato, Tiscali ha lasciato il 5,3% sul terreno a 18,05 euro, mentre Poligrafica San Faustino ha corso ancora con un +8,9% a 74,5 euro.

Hai dimenticato la password?