Padoan ottimista sulla crescita, esclude riforme pensioni: “Sistema solido”

15 novembre 2017, di Mariangela Tessa

Il ministro dell‘Economia Pier Carlo Padoan ci spera: nei prossimi anni la crescita italiana potrebbe superare l’1,5%. Lo ha ribadito durante un’intervista all’emittente televisiva Cnbc, specificando che al momento sono escluse riforme significative in materia pensionistica.

Sul fronte del PIL:

Ci aspettiamo che l‘1,5% (di crescita del Pil) venga confermato nei prossimi anni ma speriamo anche che i numeri siano più alti”, ha detto Padoan ai microfoni della tv americana, all’indomani della diffusione da parte dell’ISTAT del Pil del terzo trimestre, periodo durante il quale la crescita è risultata pari allo 0,5% rispetto al trimestre precedente e all‘1,8% annuale.

Le stime del governo sono per una crescita dell‘1,5% quest‘anno, nel 2018 e nel 2019.

Riguardo alle pensioni, Padoan ha inoltre ribadito che il sistema italiano:

“è già stabile, solido e sostenibile, per cui non ci aspettiamo grandi riforme”, anche perchè “delle misure sono già state prese in passato” ha specificato, precisando che “l’agenda delle riforme proseguirà, non solo aggiungendone di nuove ma implementando quelle già approvate”.

Il ministro ha infine aggiunto che:

“la strategia del governo continua ad essere quella del ‘sentiero stretto’: diminuire il deficit in modo da contribuire al calo del debito, sia con un approccio fiscale più restrittivo che con una crescita maggiore”.

Hai dimenticato la password?