NUMEROLOGIA

30 dicembre 1999, di Redazione Wall Street Italia

Quante definizioni abbiamo letto o sentito di questo secolo che e’ appena finito?

Dal ”secolo breve” di Hobsbawn alla ”fine della Storia” di Fukuyama, gli storici non hanno dovuto attendere
l’inizio del 2000 per dire la loro.

Proviamo, invece, ad escludere dall’analisi qualsiasi aggettivo. Il Gwp (prodotto mondiale lordo) superera’, nel 1999, la cifra di 40 ”trilioni” di dollari o 40 mila miliardi di
dollari, 40 seguito da dodici zero, circa 77 milioni di miliardi di lire (usando la Ppp, purchasing power parity).

La crescita prevista, rispetto al 1998, e’ del 2,2% su base annua. Ma il Pil reale e’ cresciuto, su base
secolare, piu’ del 900%. Una cifra che, se ci pensate, fa ancora piu’ paura dei valori assoluti
espressi in qualsiasi divisa. E l’unicita’ del XX secolo, rispetto ai precedenti, sta tutta qui: nella
rapidita’ dello sviluppo. Il XIX secolo stesso, quello della rivoluzione industriale, ha visto l’economia
mondiale poco piu’ che triplicarsi. Ancora piu’ modesta e’ la crescita nei secoli precedenti. I Paesi
dell’Europa occidentale crebbero, in termini di Pil reale pro capite, del 50% in tre secoli (tra il
rinascimento e l’alba della rivoluzione industriale). E nei secoli precedenti al rinascimento si sperimentarono
tassi di crescita perfino negativi.

Per spiegare la crescita economica straordinaria di questo secolo, abbiamo bisogno di elementi di giudizio
qualitativo. A differenza dello sviluppo tecnologico del secolo scorso (ferrovie, telegrafo), le scoperte
tecnologiche del XX secolo sembrano portare con se’ una caratteristica di capacita’ di diffusione
prima sconosciuta; da qui il maggiore impatto sulla qualita’ della vita delle persone e sulla produttivita’.

I
figli legittimi di tale caratteristica sono il computer e Internet.
La potenza dei processori per computer di oggi e’, secondo la Intel (Processor Hall of Fame, Intel
Museum), 66 mila volte superiore a quella dei processori del 1975. A parita’ di prezzo. Nel 2010,
diventera’ 10 milioni di volte superiore alla potenza dei computer di prima generazione, sempre a parita’ di
prezzo.

Tanto per fare un paragone, la potenza dei motori a vapore (1869), era solo 45 volte inferiore a quella dei motori elettrici (1939). Un computer del 1999 e’
in grado di svolgere ormai piu’ di 2 milioni di operazioni al secondo, i primi ”calcolatori” (1959) ne
riuscivano a svolgere 20.

Durante gli ultimi due decenni, la velocita¹ di trasmissione dati (via modem) e’ cresciuta 22 volte rispetto
alle ”classiche” trasmissioni via telefono. E 56 mila bit al secondo comincia a sembrarci una velocita’
”lenta”.

Infine, secondo Internet Software Consortium, sono oramai 60 milioni i computer collegati a Internet, solo
negli Stati Uniti. Erano 300 mila nel 1990. E, nell’agosto 1981, erano 213.
E questi sono dati facilmente traducibili in altri: negli Stati Uniti, la produttivita’, durante gli anni ’90, del
settore delle tecnologie dell’informazione e’ aumentata piu’ del 25%, quella degli altri settori
industriali, poco piu’ del 2%.

Va bene, l’ammetto, qualche aggettivo ci e’ scappato. Ma alcuni ”numeri” di questo secolo rispondono,
crediamo correttamente, alle paure dei tradizionalisti. Se i ”fondamentali”, nei mercati finanziari di tutto il
mondo, non funzionano piu’, una ragione dovra’ pur esserci.

Fonti: Fmi, Economic Roundup, Encyclopedia Britannica, Bls (Bureau of Labor Statistics), Isc (rapporto
semestrale su numero di host in Internet)

NUMEROLOGIA

13 dicembre 1999, di Redazione Wall Street Italia

Certo, direte voi, si legge sempre di meno. La televisione e, ora,
Internet
stanno uccidendo la carta stampata, come i video (musicali) hanno
ucciso la
radio. Eppure, fidatevi dei numeri, l’analisi di ‘cosa si legge’, in
particolare delle vendite della stampa periodica, continua ad offrirci
uno
specchio fedele dell’identita’, non solo dei singoli individui, ma,
perfino,
di una intera nazione.

All’inizio di questo secolo, gli americani di eta’ superiore ai 65 anni
erano 3,1 milioni. Nel 1999, hanno superato la cifra di 34,6 milioni.
Un
americano su otto ha, ormai, piu’ di 65 anni… Con il progressivo
invecchiamento della generazione dei ‘baby-boomers’, nel 2020, gli
anziani
rappresenteranno piu’ del 17% della popolazione.

Cosi’ si spiega meglio la classifica dei periodici piu’ venduti negli
Stati
Uniti. Ai primi due posti troviamo le due riviste pubblicate
dall’associazione dei pensionati americani (Aarp). Modern Maturity
guida la
classifica con 20.468.227 di copie vendute. Nrta/Aarp Bullettin segue a
ruota con una media di 20.359.318 di venduto. La tradizione incide
ancora
col terzo posto del Reader’s Digest (14.221.558) e con l’eterno
successo del
National Geographic (8.697.927). Il popolo dei ‘couch
potato’ (letteralmente
‘patate da divano’), di coloro i quali non possono fare a meno di
sapere
cosa li aspetta guardando la televisione, si rivela nel dato di vendita
di
TV Guide (12.832.942), il settimanale di gran lunga piu’ venduto in
America.

Come si spiega, poi, il fenomeno ­ un vero e proprio boom ­ delle
riviste
sulla cura della casa o sul ‘fai da te’ ? Dalla tradizionale e
compassata
Better Homes & Gardens (7.614.682 copie vendute) alla relativamente
nuova
‘Martha Stewart Living’ (2.295.004 copie: la punta dell’iceberg di un
vero e
proprio ‘impero’, salutato gloriosamente anche dagli investitori di
Wall
Street alla recente emissione del titolo), tra le prime 100 riviste
piu’
vendute, quelle che insegnano a coltivare la rughetta o costruire una
lampada da una scatola di biscotti , si contano ormai a decine.

Ebbene, alla fine del terzo trimestre del 1999 le famiglie americane
che
vivono in una casa di proprieta (homeownership rate) hanno superato la
soglia del 67%. Delle 119.595.000 unita’ abitative esistenti, il 62% e’ rappresentato da case singole con giardino. L’americano di
fine
millennio, pur invecchiando, vede il suo sogno realizzarsi, armato di
seghetto , tagliaerba e abbonamento a una rivista “tagliata su misura”.

Fonti: U.S. Bureau of Census; Magazine Audit Bureau of Circulation

Hai dimenticato la password?