Nord Corea minaccia ancora: “Cancelleremo gli USA dalla faccia della terra”

11 agosto 2017, di Alessandra Caparello

WASHINGTON (WSI) – Continua senza esclusione di colpi il braccio di ferro tra Corea del Nord e Stati Uniti dopo l’annuncio da parte di Pyongyang dell’attacco contro sull’isola di Guam, avamposto territoriale e militare degli Stati uniti nelle Filippine  e simultaneamente del lancio di quattro missili a raggio intermedio Hwasong-12. Il tutto entro Ferragosto.

L’amministrazione Trump è al lavoro per trovare una soluzione alla crisi dopo che il presidente invece che sedare gli animi ha rincarato la dose affermando:

“Forse non è stata sufficientemente dura la mia minaccia di colpire con fuoco e fiamme Pyongyang se dovesse attaccarci (…) se la Corea del Nord dovesse anche solo immaginare di attaccare qualunque cosa che amiamo, nostri rappresentanti, i nostri alleati (riferimento a Giappone e Corea del Sud, ndr) o noi, allora vi dico che loro dovrebbero essere molto molto preoccupati, perché le cose che gli succederanno saranno tali che non le avranno mai neanche ritenute possibili (…) Sarà meglio che la Corea del Nord inizi a mettere la testa a posto perché in caso contrario si troveranno nei guai così come non è mai successo neanche a poche nazioni nel mondo.

A rispondere alla dura risposta di Trump l’agenzia ufficiale di Pyongyang, Kcna, che risponde a tono e alza ulteriormente la tensione.

Cancelleranno dalla faccia della terra senza alcuna pietà i provocatori (Trump, ndr) che fanno tentativi disperati di soffocare il Paese socialista (…) gli Usa soffriranno una vergognosa sconfitta e un destino tragico e definitivo se persisteranno nelle loro avventure militari, sanzioni e pressioni”contro il regime di Kim Jong-un.

Le tensioni geopolitiche si riflettono sull’andamento dei mercati con il Dow Jones che ieri a Wall Street ha perso lo 0,43%.

Hai dimenticato la password?