Usa accusano la Russia: l’antivirus Kaspersky usato per spionaggio

12 ottobre 2017, di Alessandra Caparello

MOSCA (WSI) – L’antivirus Kaspersky in realtà è uno strumento di spionaggio a servizio degli 007 moscoviti: la denuncia arriva dagli Usa secondo cui il Cremlino  avrebbe usato il famoso software antivirus per esaminare in maniera del tutto segreta i computer di tutto il mondo alla ricerca di documenti governativi statunitensi riservati. La società che crea il software si è dichiarata estranea alla vicenda, ma un ex agente americano a conoscenza delle informazioni raccolte sottolinea che è impossibile che Kaspersky non ne fosse al corrente. Il governo russo per ora non commenta.

A commentare è stata invece Kaspersky Lab, che dice di non essere coinvolta e di non possedere alcuna informazione rispetto a questa situazione. “Tenuto conto che l’integrità dei nostri prodotti è fondamentale per la nostra attività, Kaspersky Lab risolve qualsiasi vulnerabilità rilevata o segnalata all’azienda. Kaspersky Lab ribadisce la propria disponibilità a lavorare al fianco delle autorità statunitensi per affrontare tutte le preoccupazioni relative ai propri prodotti e sistemi e chiede di poter ottenere tutte le informazioni rilevanti e verificabili che potrebbero aiutare l’azienda nella propria indagine volta a respingere le false accuse.

Per quanto riguarda le dichiarazioni non verificate in merito a Duqu2, un sofisticato cyberattacco che non aveva come unico obiettivo Kaspersky Lab, siamo sicuri di aver identificato e rimosso tutte le infezioni rilevate durante l’incidente. Inoltre, come riportato dall’articolo stesso, Kaspersky Lab ha pubblicamente segnalato l’attacco e offerto la propria assistenza alle organizzazioni colpite o interessate per contribuire a mitigare questa minaccia. Kaspersky Lab non ha mai aiutato, e mai aiuterà, alcun governo in attività di cyber spionaggio e contrariamente alle false accuse, il software di Kaspersky Lab non contiene alcuna funzionalità non dichiarata, come una backdoor, in quanto sarebbe illegale e non etico”.

“È inoltre importante sottolineare che, Kaspersky Lab rileva ogni tipologia di minaccia, inclusi i malware sponsorizzati da stati-nazione, indipendentemente dalle loro origini o dallo scopo. L’azienda analizza più di 100 gruppi criminali di minacce di tipo APT e operazioni criminali, e da oltre 20 anni è impegnata a proteggere le persone e le aziende da questo tipo di attacchi, il luogo in cui si trova la sede centrale di Kaspersky Lab non cambia gli obiettivi dell’azienda”.

Hai dimenticato la password?