Super dollaro anche nel 2017? Il grafico che conferma l’assist dei Treasuries Usa

3 gennaio 2017, di Laura Naka Antonelli

Sul mercato valutario, indebolimento del dollaro, dopo che nella sessione di ieri il Dollar Index ha iniziato il 2017 riportando il guadagno più forte in oltre due settimane.

Sullo sfondo prosegue la fase positiva della valuta Usa, che nel 2016 è salita per il quarto anno consecutivo per la prima volta in oltre 30 anni. In particolare, il Bloomberg Dollar Index ha terminato il 2016 riportando il rally, su base trimestrale, più forte dal 2008, grazie ai Treasuries Usa decennali, che hanno offerto, all’interno delle economie del G7, il differenziale di rendimenti più elevato dal 1999.

A dicembre il Dollar Index aveva testato il massimo in 14 anni, sulla scia delle speculazioni di nuovi rialzi dei tassi da parte della Fed nel 2017.

Nella sessione odierna, sul mercato valutario, la forza del dollaro mette nuovamente sotto pressione le quotazioni dell’euro, che scende al momento dello 0,23% a $1,0431. Il dollaro sale anche nei confronti dello yen, +0,37% a JPY 117,98; sterlina-dollaro quasi invariata, +0,03% a $1,2282; l’euro sale sullo yen, +0,13% a JPY 123,06, mentre scende sulla sterlina, con -0,28% a GBP 0,8493. Euro-franco svizzero -0,09% a CHF 1,0695.

Hai dimenticato la password?