Pop Vicenza: “Un sequestro a Zonin? Troppo tardi”

25 ottobre 2017, di Mariangela Tessa

“Sarebbe ormai vano un sequestro nei confronti dell’ex presidente della Banca Popolare di Vicenza, Gianni Zonin”. A dirlo è il procuratore della repubblica di Vicenza, Antonino Cappelleri, di fronte alla commissione d’inchiesta sulle banche.

La “banca è stata svuotata di qualunque sostanza effettiva“, poiché gli attivi di buona qualità sono stati trasferiti alla good bank e “ormai temo che uno strumento concreto ed efficace non lo abbiamo più in mano” per procedere con una richiesta di sequestro nei confronti di Zonin.

“Al di là del tentativo di sequestro – ha comunque aggiunto Cappelleri – temo che il problema della possibilità che i risparmiatori possano essere in parte risarciti sia il fatto che la bad bank Vicenza è stata svuotata, non ha più sostanza, mentre la banca che l’ha acquisita, per decreto (Banca Intesa, n.d.r.) non ha obblighi di risarcimento dei risparmiatori”.

Hai dimenticato la password?