Ponte Morandi, pm: “Autostrade ha agito solo con valutazioni di profitto”

11 ottobre 2018, di Alberto Battaglia

“Autostrade per l’Italia non ha pensato alla sicurezza ma al profitto. E la scelta di non intervenire sulle barriere di secondo impianto, come per il viadotto di Acqualonga, è avvenuta in assenza di valutazioni di carattere tecnico, ma solo per ragioni meramente economiche. Per ragioni di profitto”: è quanto affermato dal procuratore capo di Avellino Rosario Cantelmo durante la requisitoria nell’ambito della quale è stata richiesta una condanna a 10 anni per l’amministratore delegato di Autostrade per l’ Italia Giovanni Castellucci e per altri dieci dirigenti della società.

“Chiedo una sentenza giusta, che non consenta a nessuno di farla franca”, ha affermato il magistrato.

Hai dimenticato la password?