Fed, Yellen: linee guida future dovrebbero essere basate su outlook economia

14 novembre 2017, di Daniele Chicca

Nell’evento clou di giornata a Francoforte a cui hanno preso parte i principali banchieri centrali del mondo, tra cui Draghi, Kuroda e Carney, la presidente della Fed uscente Janet Yellen – che a febbraio lascerà il posto a Jerome Powell – ha fatto sapere che “qualsiasi linea guida dovrebbe basarsi sull’outlook” dell’economia. Il messaggio generale dei banchieri è che una maggiore guidance è positiva. Per sottolineare l’importanza della guidance, Draghi ha citato come esempio il suo celebre discorso del “Whatever it takes” del 26 luglio 2012. Nonostante il cambio di passo strategico di Inghilterra, Eurozona e Stati Uniti, nessuno ha commentato le mosse di politica monetaria attuali o future.

La reazione dei mercati finanziari è stata quasi nulla, con le Borse europee che scambiano contrastate (Londra è in positivo, +0,17%, Milano negativa con -0,52%), mentre i future sui principali indici della Borsa Usa pagano i dubbi sulla riforma fiscale cedendo lo 0,1-0,2%. A Piazza Affari Saipem e Leonardo perdono più del -6 e -4%, rispettivamente. Gli analisti di Kepler Cheuvreux, nel confermare il rating di hold, hanno abbassato il target price sui titoli del gruppo della Difesa da 14 a 12 euro. Male anche il settore bancario italiano in toto, che lascia sul campo lo 0,8% al momento. Tra gli altri mercati, sul Forex l’euro si rafforza dello 0,8% sul dollaro Usa, mentre petrolio e oro perdono circa mezzo punto percentuale. L’indice della volatilità VIX avanza di oltre il +3%.

Hai dimenticato la password?