Fed falco: alza i tassi e aumenta possibilità di nuovi rialzi

13 giugno 2018, di Daniele Chicca

La Federal Reserve ha alzato i tassi di interesse di 25 punti base all’1,75-2% e ha anche incrementato la possibilità di vedere ulteriori strette monetarie quest’anno. C’è da attendersi più quattro che tre (come era stato annunciato a marzo) aumenti del costo del denaro, quindi. Jerome Powell ha parlato di “tanta incertezza” dal punto di vista delle politiche fiscali delle autorità federali e quindi dell’amministrazione Trump.

Sui mercati il Dow Jones ha virato in negativo e scambia in calo dello 0,11% mentre il rendimento decennale dei titoli di Stato Usa si è spinto in rialzo (ora fa segnare un più 0,84%) dopo la decisione. La linea guida sui tassi dei rappresentate nei dot plot dice che solo un membro del board ha cambiato posizione e ora ha un atteggiamento più aggressivo. La differenza tra una serie di rialzi 4-3-1 nel triennio e un 3-3-2 non è estrema.

Prima dell’annuncio della banca centrale Usa, gli analisti dicevano che un’eventualità del genere sarebbe stata la dimostrazione che la Fed preferisce concentrarsi su casa propria e sui livelli minimi storici del tasso di disoccupazione piuttosto che preoccuparsi per le turbolenze di mercato suscitate da problemi esterni come il caos politico italiano.

Hai dimenticato la password?