Consip, pm chiedono sette rinvii a giudizio: spicca il nome di Luca Lotti

14 dicembre 2018, di Alberto Battaglia

L’inchiesta sul caso Consip che aveva visto coinvolto il padre dell’ex premier Tiziano Renzi, le cui ipotesi di reato sono state archiviate, ha prodotto sette rinvii a giudizio. La Procura di Roma ha chiesto il processo, in particolare, per l’ex ministro dello Sport, Luca Lotti, con l’accusa di favoreggiamento per aver informato l’ex ad della Consip, Luigi Marroni, delle indagini giudiziarie che in quel momento stavano riguardando l’imprenditore Alfredo Romeo. In seguito a tali rivelazioni, Marroni fece “bonificare” il suo ufficio dalle microspie ivi presenti a causa delle indagini.
Richiesto il rinvio a giudizio anche per il generale dell’Arma dei carabinieri Emanuele Saltalamacchia, Filippo Vannoni (entrambi accusati di favoreggiamento); l’ex comandante generale dei carabinieri, Tullio Del Sette (rivelazione del segreto d’ufficio); Carlo Russo (millantato credito); l’ex maggiore del Noe Gian Paolo Scafarto (depistaggio e rivelazione del segreto d’ufficio) e l’ex colonnello dell’Arma, Alessandro Sessa (depistaggio).

Hai dimenticato la password?