Autostrade: pedaggi in aumento, Atlantia rimbalza in Borsa

2 gennaio 2017, di Alessandra Caparello

MILANO (WSI) – Il 2017 si apre con rincari nei pedaggi autostradali che fanno rimbalzare a Piazza Affari il titolo di Atlantia, la holding che controlla Autostrade per l’Italia che guadagna l’1,7% a 22,64 euro.

Un decreto del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti e dell’Economia e delle Finanze ha stabilito gli aumenti delle tariffe dello 0,64%. In aumento anche i pedaggi autostradali facenti capo a Sias, gruppo piemontese che raggruppa Satap A4 (+6,4%), Satap A21 (+0,81%), Torino Savona (+2,46%), Cisa (+ 0,24%), Autostrada Torino Ivrea Valle d’Aosta (+0,88%), Brebemi (+7,88%) Tem (+1,9%).

Tutti aumenti non soddisfacenti secondo gli analisti di Equita Sim:

“Il governo conferma che l’adeguamento per il 2017 deriva esclusivamente dalla quantificazione dei parametri derivanti dal 2016 e non include il recupero degli anni precedenti e che la decisione è stata presa per attuare un effetto di calmieramento delle tariffe. Il recupero del pregresso avverrà solo in seguito e spalmato nel tempo”.

Hai dimenticato la password?