Nessuna reazione per le elezioni italiane

11 marzo 2018, di Francesco Melillo

Elezioni in Italia: se ne è accorto qualcuno?

Il FTSEMIB chiude la settimana meglio di come era partito.

Lo spread BTP-bund è in discesa.

La volatilità dell’euro rientra nella normalità.

Ma perchè c’era tutto questo timore per la parziale vittoria elettorale di M5S e Lega?

 

Prima di tirare conclusioni affrettate occorre:

– attendere fine marzo con l’insediamento delle Camere ed i primi accordi post-elezioni;

– attendere le prime riforme del nuovo Governo e la sua reale struttura.

La stessa Confindustria, probabilmente anche dopo le dichiarazioni dei leader, non ha visto nell’immediato pericoli reali.

Intanto, si moltiplicano i tentativi di contatto tra i partiti vincitori e vinti, tutti utili alla causa. Mattarella e l’Europa garanti dell’equità.

Ovviamente è un mandato a tempo per la pazienza degli investitori!

Di fatto la ripresa è in corso, seppur debole, quindi nell’immediato non ci sono urgenze.

In Germania i sei mesi di attesa sono costati poco ai mercati.

Ulteriori approfondimenti sono disponibili sul blog dell’autore: Buy Market – Finanza.

 

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo. Può essere modificato in qualsiasi momento. NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Hai dimenticato la password?