Morgan Stanley: S&P 500 a nuovi record, poi crollo

28 settembre 2017, di Mariangela Tessa

Per Wall Street la fase Orso arriverà presto, ma non prima aver toccato nuovi record. Ne è convinto Mike Wilson, analista di Morgan Stanley che, in un’intervista alla Cnbc, ha detto si aspettarsi che lo S&P 500 raggiunga il record di 2.700 punti a inizio anno, ovvero 200 punti oltre i livelli attuali. Per poi, a metà del 2018, ritornare a scendere, con un deprezzamento atteso intorno al 20%.

Una correzione di questa ampiezza – dice l’esperto – è normale per un mercato toro che dura ormai da otto anni. Un declino del 20% da 2.700 punti significa che lo S&P 500 raggiungerà quota 2.250 punti. In ogni caso, il target 2.700 rappresenta un incremento del 300% da marzo 2009, ovvero dal picco dell’ultima crisi finanziaria.

A sostenere la nuova ondata di rialzi, secondo Wilson, saranno soprattutto i risultati di bilancio relativi al terzo trimestre, che dovrebbero confermare una fase di espansione degli utili anche la riforma fiscale di Donald Trump, i cui primi dettagli sono emersi ieri durante un comizio del presidente Usa nell’Indiana. A questo proposito, l’analista ha detto:

“questo creerà euforia solo nelle prossime due settimane, ma non è escluso che dopo un paio di settimane ci sia l’inevitabile delusione”.

Per lo strategist di Morgan Stanley, lo S&P 500 riuscirà a toccare il target di 2.700 all’inizio del 2018, soprattutto se la riforma fiscale sarà approvata.

“Dopo il raggiungimento dell’obiettivo, l’inizio del mercato orso potrebbe verificarsi in qualsiasi momento”.

 

Hai dimenticato la password?