MICROSOFT: PREPARARSI AL CALO, MA NIENTE PANICO

8 novembre 1999, di Redazione Wall Street Italia

E’ molto probabile che in apertura di contrattazioni, oggi alla borsa di New York, le azioni Microsoft (MSFT, vedi quotazioni interattive) calino di prezzo. Ma il consiglio di quasi tutti i manager di fondi di investimento e dei trader di borsa e’, per gli investitori: non fatevi prendere dal panico, resistete, perche’ alla fine Mr. Softee (come viene chiamata in gergo a New York l’azienda di Bill Gates) recuperera’, anche dopo il verdetto negativo da parte di un giudice che l’ha accusata di monopolio e posizione dominante.

Le azioni del gigante del software sono gia’ calate notevolmente venerdi’ scorso nel dopo-borsa, subito dopo che il giudice Thomas Penfield Jackson ha annunciato la sua clamorosa decisione contro Microsoft. Il titolo e’ sceso di 4 e 1/2 a 87 e 1/16, anche se poi si e’ assistito a un recupero fino a 88 e 3/4.

Il titolo potrebbe ricevere una bella mazzata, oggi, secondo alcuni trader. Ma molti gestori di fondi, come Scott Schoelzel, che guida Janus Twenty Fund (29 miliardi di dollari gestiti) consigliano i possessori di azioni Microsoft di non precipitarsi a vendere, sull’onda della reazione emotiva seguita al verdetto che accusa l’azienda di Seattle di monopolio. Schoelzel, che si e’ detto ”scandalizzato” per la reazione del governo Usa in questa vicenda (l’accenno e’ alle dichiarazioni euforiche per la sconfitta di Microsoft da parte del ministro della Giustizia Janet Reno e del responsabile della divisione anti-trust Klein) sostiene tuttavia che e’ troppo presto per dire che direzione prenderanno i titoli nel lungo termine. Infatti, dal punto di vista legale, questo e’ solo un primo passo in un lungo processo. ”Bisognera’ che gli animi si calmino un po’ per valutare a freddo la situazione”, ha detto il manager.

Hai dimenticato la password?