Michael Moore: Trump otterrà un secondo mandato

18 settembre 2018, di Alberto Battaglia

Il regista Michael Moore, autore di numerosi documentari spesso critici con i suoi stessi Stati Uniti, sta per portare nelle sale un nuovo lavoro, questa volta il bersaglio è il presidente americano Donald Trump. Lo stesso candidato per il quale Moore, contro ogni pronostico di allora, aveva profetizzato al vittoria alle elezioni presidenziali di due anni fa. Il titolo della nuova pellicola in uscita nelle sale americane il 21 settembre è “Farenheit 11/9” – un titolo che rimanda direttamente all’altro film apertamente antipresidenziale “Fahrenheit 9/11”, allora centrato sulla presidenza di Bush Jr.

“Troppe persone nell’estate del 2016 erano così sicure che Hillary Clinton avrebbe vinto, affermando che nessuno avrebbe mai votato per questo idiota”, ha dichiarato il regista, “potrebbe vincere ancora. Io opero come se fosse un Trump a due tempi. Devo. Se si ragione in un altro modo, stai garantendo la sconfitta a chiunque andrà a correre contro di lui”.

Eppure, il successo di Trump alle primarie e alle elezioni presidenziali aveva decisamente ribaltato ogni pronostico; su questo la considerazione di Moore riguardo al fenomeno Trump è assai netta:

Penso che quell’uomo sia un genio del male e che sia in grado di superare in astuzia la più astuta delle persone che potrebbe correre per la presidenza”.
Moore ha anticipato che il film non inseguirà “il ciclo di notizie” ma presenterà “il quadro più ampio di quello che sta succedendo, mostrerò anche alla gente come Trump non è semplicemente caduto dal cielo, c’è una lunga strada per Trump e purtroppo ci siamo tutti passati sopra”.

Hai dimenticato la password?