Made in Italy: continuano cessioni: limoncello diventa spagnolo

6 novembre 2017, di Francesco Puppato

Dopo le ultime recenti acquisizioni di tre banche (Cassa di Risparmio di Rimini, Cassa di Risparmio di Cesena e Cassa di Risparmio di San Miniato) da parte dei francesi di Credit Agricole e del marchio Lemonsoda (compresi Oransoda, Pelmosoda e Mojito Soda) da parte della danese Royal Unibrew A/S, ora a fare compere in terra italica tocca agli spagnoli. La Zamora Company, marchio iberico del beverage, ha infatti acquisito il limoncello di Sorrento.

La cessione delle partecipazioni del Limoncello Villa Massa che erano ancora in mano ai fratelli Sergio e Stefano Massa (49%), garantisce ora al gruppo spagnolo il 100% del capitale sociale, che dal 2006 possedeva comunque il 51% delle quote.

Come spiega il CEO di Zamora Company, Emilio Restoy, “l’acquisizione risponde all’impegno preso con la famiglia Massa di investire nei valori tradizionali del marchio, mantenendone l’identità e l’autenticità come nel caso dell’ IGP Liquore di Limone di Sorrento e ampliando la visibilità globale della propria offerta”.

Villa Massa, fondata nel 1991, è stata una pioniera nella commercializzazione del limoncello sia in Italia che a livello internazionale ed è, ad oggi, un’azienda con presenza globale e leader nella produzione di limoncello premium, commercializzato in più di 50 Paesi.

Ha prodotto il liquore a Sorrento dal 1890 per mano della famiglia Massa, seguendo una tradizione familiare che va da generazione in generazione; la stessa azienda, oltre al limoncello, vanta un portafoglio di altri liquori tradizionali della Costiera Sorrentina come ad esempio il liquore di arance, di mandarini e ancora quello alle noci di Sorrento.

Zamora, è un’azienda al 100% familiare che produce e commercializza liquori e vini ad alto valore aggiunto, con una presenza in più di 80 Paesi, un team di cira 350 persone ed un un fatturato stimato di 160 milioni di euro per il 2017.

Hai dimenticato la password?