Sicurezza su smartphone: i consigli di Neomobile per una disattivazione corretta dei profili online in caso di furto

23 novembre 2017, di Redazione Wall Street Italia

Il nostro cellulare è diventato un vero e proprio raccoglitore di informazioni personali: funziona come portafogli, diario, album fotografico, conto bancario e contiene diversi tipi di dati, da messaggi e email personali, a documenti, dati d’accesso e dati di navigazione. Il telefonino, essendo una parte inseparabile della nostra vita, contiene le informazioni più confidenziali e nelle mani sbagliate può diventare un’arma per scopi illeciti, provocandoci numerosi danni.

Per proteggersi dai malintenzionati bisogna capire come reagire in caso di furto o smarrimento dello smartphone. Grazie alle sue ricerche nell’ambito, Neomobile consiglia una disattivazione immediata dei profili personali. Scopriamo quali e come in questa guida.

Disattivazione del telefono e della SIM

La prima cosa da fare è disattivare il telefono e la SIM. Per la disattivazione dello smartphone Neomobile suggerisce di individuare prima di tutto il codice IMEI, composto da 15 cifre, che identifica ogni singolo cellulare o tablet. Il modo più semplice per ottenere questo codice è digitare *#06# sulla tastiera del nostro dispositivo. Ovviamente tale metodo è valido se abbiamo ancora con noi lo smartphone. In caso contrario il codice IMEI lo si può trovare sulla confezione originale del nostro dispositivo.

Una volta trovato il codice IMEI possiamo contattare il nostro operatore telefonico, comunicare il codice IMEI e richiedere il blocco del dispositivo. Il telefono rubato così non si collegherà più alla rete o telefonare. Inoltre possiamo comunicare il nostro numero di telefono così che anche questo venga bloccato. Successivamente potremmo richiedere una nuova SIM ritornando in possesso del nostro vecchio numero.

Disattivazione del profilo WhatsApp

A questo punto possiamo disattivare il profilo dell’app che più di tutte contiene informazioni personali: WhatsApp. In realtà, se abbiamo già eseguito la disattivazione della SIM come descritta da Neomobile, il procedimento di disattivazione del profilo WhatsApp risulterà molto semplice.

Una volta bloccata la scheda telefonica infatti anche il nostro profilo WhatsApp verrà bloccato, essendo associato ad un unico numero e ad un solo dispositivo. Attivando la nuova SIM con il nostro vecchio numero recuperato potremmo quindi riattivare il nostro profilo. Possiamo stare tranquilli: la scheda SIM bloccata impedisce di riverificare l’account sullo smartphone rubato, perchè è necessario ricevere un SMS o una chiamata.

Disattivazione dell’account di Google

Per quanto riguarda l’account di Google è importante prima di tutto reimpostare la password. Questo in realtà già basta a mettere in sicurezza i propri dati.

Ma in aggiunta Neomobile vi consiglia la disattivazione da remoto dell’account Google, incluso Gmail, sul dispositivo. Per farlo è necessario avviare da PC il controllo di sicurezza, disponibile sul sito support.google.com. Questo controllo segnala tutti i dispositivi sui quali abbiamo effettuato l’accesso all’account Google e Gmail: potremmo quindi selezionare il dispositivo rubato e disattivare quell’account dal cellulare in questione per rimuoverlo definitivamente.

Come prevenzione, Neomobile ci suggerisce inoltre di attivare le notifiche di sicurezza che ci terranno sempre al corrente in caso di attività sospette via SMS o email.

Piccoli consigli per una maggiore sicurezza dello smartphone

Per prevenire l’abuso dei nostri dati personali in caso di furto o smarrimento dello smartphone Neomobile ci offre dei piccoli suggerimenti che possono ritornare utili. In primis, dobbiamo utilizzare un blocco schermo. Questo non ci protegge completamente, però ci permette di avere un po’ di tempo per reagire. Proteggersi infatti richiede alcune operazioni da svolgere, ma utilizzando i tool giusti e le risorse necessarie la disattivazione dei nostri profili ci eviterà un danno maggiore.

Hai dimenticato la password?