La caduta di una stella del trading: da bonus da $126 milioni al carcere

20 marzo 2018, di Livia Liberatore

C’era una volta Christian Bittar, uno dei trader più pagati della Deutsche Bank AG, un mago della matematica che nel 2008 aveva guadagnato un bonus di quasi 126 milioni di dollari. In questo momento Bittar è seduto in una prigione del Regno Unito. Lo scorso 2 marzo, il quarantaseienne si è dichiarato colpevole in un tribunale di Londra di cospirare per aggiustare il benchmark dei tassi d’interesse Euribor. È in carcere e verrà condannato dopo che un processo correlato si concluderà quest’estate.

Dopo la crisi finanziaria globale dieci anni fa, furono le banche ad essere travolte dallo scandalo e a dover pagare circa 9 miliardi di dollari in multe per aver manipolato il tasso interbancario offerto a Londra e la sua controparte in euro. Poi i pubblici ministeri hanno iniziato a puntare sui trader dietro il comportamento, compresi i nomi di alto livello come Bittar e l’ex trader di UBS Group AG Tom Hayes, che è stato il primo condannato nel processo britannico.

Deutsche Bank, per esempio, è stata multata per 2,5 miliardi di dollari dai regolatori nel 2015 per non aver impedito i tentativi di effettuare un rigging dei tassi di riferimento. Bittar ebbe in questo caso un ruolo preminente nelle notifiche di sanzioni. Ma in quegli anni Bittar era già famoso come stella del trading: era noto per aver fatto una fortuna per Deutsche Bank durante lo sconvolgimento del 2008, scommettendo sui tassi di interesse a breve termine e guadagnando un bonus di quasi 126 milioni di dollari.

Nato in Senegal, Bittar non è stato sempre ricco e anche dopo la ricchezza ottenuta nel dopo crisi finanziaria continuava a condurre uno stile di vita senza troppe pretese. Il trader è stato licenziato nel dicembre 2011, quando Deutsche Bank ha interrotto i legami con lui per “proteggersi” nel corso del controllo regolamentare. Con il licenziamento, ha perso circa 40 milioni di euro in azioni non vendute.

La Financial Conduct Authority ha emesso un avviso di condanna nel 2014 con una multa proposta di 10 milioni di sterline. La sanzione è stata sospesa in attesa dell’esito del procedimento penale.

Hai dimenticato la password?