Iva, 730, rottamazione: le scadenze fiscali di maggio

4 maggio 2018, di Alessandra Caparello

Non solo 730, maggio è un mese ricco di scadenze fiscali non solo per le imprese ma anche per le famiglie con la rottamazione delle cartelle esattoriali, il versamento dell’Iva e dei contributi INPS. Ecco nel dettaglio quali sono le date da ricordare.

Partendo dal modello 730, dal 2 maggio è possibile accedere alla dichiarazione dei redditi precompilata dal sito dell’Agenzia delle Entrate, potendo accettare la denuncia così com’è e inviarla oppure effettuare delle modifiche.

Il 15 maggio è invece l’ultimo giorno utile per aderire alla rottamazione bis delle cartelle esattoriali notificate dal 1° gennaio al 30 settembre 2017.

Rottamazione cartelle: cosa fare

Per accedere alla rottamazione si può scegliere tra queste tre diverse modalità:

  • attraverso il servizio Fai DA Te compilando, direttamente nell’area libera del portale di Agenzia delle entrate-Riscossione, il modello DA 2000/17
  • presentando il modello DA 2000/17 agli sportelli della Riscossione
  • dalla propria casella di posta elettronica certificata, insieme alla copia del documento di identità, all’indirizzo Pec della direzione regionale di riferimento dell’Agenzia delle entrate-Riscossione.

Sempre il 15 maggio scade il termine per l’emissione e registrazione di una serie di atti quali:

  • fatture differite relative a beni consegnati o spediti nel mese solare precedente e risultanti da documento di trasporto
  • fatture riferite alle prestazioni di servizi individuabili attraverso idonea documentazione effettuate nel mese solare precedente
  • corrispettivi per le associazioni sportive dilettantistiche, per le associazioni senza scopo di lucro e pro loco che utilizzano l’opzione del regime agevolato;
  • corrispettivi per coloro che esercitano il commercio al minuto e che operano nella grande distribuzione che possono adottare la trasmissione telematica.

Il giorno seguente, il 16 maggio invece è il termine ultimo per il versamento di:

  • IVA mese aprile 2018 o primo trimestre per contribuenti trimestrali;
  • rata IVA anno 2017 come da dichiarazione IVA 2018;
  • ritenute e prima rata contributi INPS artigiani e commercianti;
  • versamento delle ritenute e dei contributi INPS per le aziende del settore sport e spettacolo e per i collaboratori a progetto, occasionali e associati.

Altre scadenze da segnare sono:

  • 25 maggio: operatori intracomunitari con obbligo mensile: presentazione INTRASTAT
  • 29 maggio: termine ultimo per presentare la dichiarazione IVA 2017 relativa all’anno d’imposta 2016 con ravvedimento
  • 31 maggio: invio spesometro 2018 relativo al primo trimestre, trasmissioni dei dati riepilogativi delle liquidazioni periodiche IVA per i soggetti passivi, comunicazione dei dati retributivi e contributivi UniEmens e dichiarazione mensile modello INTRA12.

Hai dimenticato la password?