ITALIANI BRUCIATI SUL CAFFE’

30 novembre 2006, di Redazione Wall Street Italia

Il contenuto di questo articolo esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) –
Chi avrebbe mai pensato che in Cina, tradizionale nazione di grandi bevitori di tè, potesse avere successo una bevanda a base di caffè dal nome “Caramel macchiato”? Gli ingredienti della fortunata mistura sono caffè espresso, latte e zucchero caramellato, e un’aggiunta finale di panna montata. Il “Caramel macchiato” costa quattro dollari nella versione “porzione grande”, un prezzo decisamente elevato per il reddito medio cinese.

Ma sul miliardo e trecento milioni di cinesi c’è n’è almeno un centinaio di milioni con un reddito che consente lor senz’altro una pausa caffè. E per i giovani tutto ciò che viene dagli Stati Uniti – ed è servito con parole inglesi in esercizi commerciali di stile occidentale – è considerato un simbolo di status.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link style="color:blue">INSIDER

E’ per questo che Starbucks, la grande casa di distribuzione di caffè di Seattle, che ha ormai quattrocentotrenta punti vendita in Cina e a Hong Kong, pensa di poter arrivare abbastanza presto al migliaio, imponendo il suo “espresso” nelle diverse varietà in cui viene offerto negli Stati Uniti: tra cui, oltre alla bevanda classica, il cappuccino, il frappuccino in vari gusti (in Cina va molto quello al mango), il caffè e latte, il caffè macchiato e il latte macchiato. Nelle bevande vendute in Cina c’è un po’ meno di espresso, un po’ più di latte e di zucchero e frutta tropicale.

Ma il modello sostanzialmente è quello che Starbucks ha adottato con grande successo negli Stati Uniti, con una ampia gamma di bevande, composte di tre ingredienti caffè, latte e frutta frullata tutte con nomi e gusto rigorosamente italiani. Così una parte dei cinesi imparerà a bere il caffè all’italiana (più o meno) grazie alla intraprendenza degli americani. Potenza e stravaganza della globalizzazione. (nota di wsi: come mai Starbucks ha avuto successo con un’idea a cui avrebbero dovuto pensare invece Lavazza, Illy e tutti gli altri produttori nostrani di caffe’?)

Copyright © Il Foglio per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved

Hai dimenticato la password?