Italia, non tutti gli investitori stanno perdendo i loro soldi

18 luglio 2016, di Daniele Chicca

NEW YORK (WSI) – Se da un lato abbiamo gli investitori nel settore bancario italiano che assistono impotenti alle perdite di valore dei titoli finanziari del paese leccandosi le ferite, dall’altra parte c’è chi sta festeggiando le proprie vittorie. Si tratta degli investitori nei titoli del debito governativo.

I gestori hanno aumentato le operazioni di acquisto di bond dell’area periferica europea dopo che con il referendum sulla Brexit il Regno Unito ha deciso di uscire dall’Unione Europea, riducendo così lo spread tra i tassi dei titoli di riferimento del debito italiano e quelli dell’omologo Bund decennale.

Lo Spread è sceso ai minimi da inizio luglio. Un contributo lo offre senza dubbio anche il programma di acquisto di titoli obbligazionari dell’area euro in corso da parte della Bce. La banca centrale sta acquistando a un ritmo sempre più sostenuto bond dell’area periferica. I più premiati sono i titoli di Spagna e Italia, come si vede bene nella tabella qui sotto riportata.

Gli investitori stanno scommettendo che il vuoto lasciato dalla decisione choc del Regno Unito di lasciare l’Unione Europea venga colmato dalle operazioni della Bce, la quale finirà inevitabilmente per sostenere le economie più fragili e maggiormente a rischio dell’Eurozona, come la terza e quarta forza della regione, Italia e Spagna.

È così che i prezzi dei bond italiani salgono, anche se rimangono intatti sia i timori sullo stato di salute del sistema finanziario, sia l’incertezza sulle manovre che verranno attuate per rimettere in sesto i tanti gruppi con le pance piene di sofferenze lorde e livelli patrimoniali non abbastanza solidi.

Qualcosa in più sulle loro capacità di reggere a eventuali choc si saprà a fine luglio, quando la stessa Bce pubblicherà i risultati degli ultimi stress test. I titoli del settore bancario italiano hanno perso circa il 17% da quando è stato reso noto l’esito, inatteso, del referendum sulla Brexit.

Il fatto che il Quantitative Easing, il programma di acquisto di Bond della Bce, sia sempre più sbilanciato in favore di Italia e Spagna lo dicono i numeri. In giugno, secondo quanto riportato da RBS, l’aumento è stato dell’1,5% per i Btp e dell’1,2% per i Bonos.

Fonte: Bloomberg

Hai dimenticato la password?