Italia: risorge il manifatturiero

4 gennaio 2016, di Daniele Chicca

ROMA (WSI) – Al contrario di quelle cinesi, le fabbriche europee sono in un buon stato di forma. A dicembre l’indice PMI manifatturiero si è attestato a 53,2 punti, in rialzo sia rispetto alla stima flash di 53,1 punti che rispetto ai 52,8 punti di novembre. Sono i dati definitivi comunicati da Markit.

Batte le attese l’indice manifatturiero in Italia, che si trova in una insolita posizione: quella del paese con il migliore punteggio in Europa. L’attività italiana, misurata in una scala da 1 a 100, ha battuto le attese con un risultato di 55,6 punti. Le stime per dicembre erano per un punteggio di 55 punti.

Anche la Germania ha fatto meglio del previsto, mentre la grande delusione è arrivata dal Regno Unito. Francia e Spagna, da parte loro, hanno tenuto bene nell’ultimo mese del 2015, con risultati nell’ordine pari a 51,4 (in ribasso da 51,6 di novembre) e 53 (in calo dai 53,1 di novembre).

Anche la Grecia, come l’Italia, ha ottenuto una performance più alta del previsto, tornando all’espansione dell’attività manifatturiera per la prima volta da maggio 2014.

Nel complesso l’indice dell’industria manifatturiera ha battuto le stime nell’area euro, registrando un 53,2 contro il 53,1 atteso. La locomotiva della regione, la Germania, ha visto un punteggio di 53,2 che si confronta con la quota stimata di 53. A Londra l’indice manifatturiero si è fermato a 51,9 punti a fronte dei 52,7 previsti.

Hai dimenticato la password?