Pensioni: in sette casi su 10 assegno non arriva a 1000 euro

29 marzo 2018, di Alessandra Caparello

ROMA (WSI) – Pensionati italiani alla fame. Secondo gli ultimi dati elaborati dall’Inps nell’Osservatorio sulle pensioni, in sette casi su 10 l’assegno previdenziale mensile è inferiore ai mille euro.

Le pensioni private erogate dall’Inps vigenti nel 2018 sono 17,88 milioni: di queste 12,8 milioni, ovvero il 70,8%, sono inferiori a 1.000 euro. Il dato – sottolinea l’Istituto nazionale di previdenza sociale – non tiene conto delle pensioni pubbliche e di quelle dello spettacolo, bensì si tratta solo di singole pensioni e non dell’importo totale spettante a ogni pensionato che può godere di più trattamenti.

C’è però un dato che allarma più di tutti ed è quello per cui la percentuale delle pensioni fino a mille euro arriva all’86,6% per le donne. Inoltre il 62,2% delle pensioni è inferiore a 750 euro, percentuale che per le donne raggiunge il 75,5% e costituisce solo una misura indicativa della ‘povertà’, per il fatto che molti pensionati sono titolari di più prestazioni pensionistiche o comunque di altri redditi.

Nel complesso le pensioni vigenti al primo gennaio 2018 erogate dall’Inps per il settore privato sono 17.886.623, circa 143.000 in meno rispetto all’inizio del 2017, per un valore di 200,5 miliardi, in aumento dell’1,57% sull’anno precedente. Le pensioni di natura previdenziale sono 13,97 milioni mentre 3,9 milioni sono le prestazioni assistenziali.

Da ultimo si segnala nel 2017 il boom per le pensioni anticipate rispetto all’età di vecchiaia: le pensioni dei lavoratori privati usciti dal lavoro con almeno 42 anni e 10 mesi di contributi (41 anni e 10 mesi per le donne) sono state 160.142 con una crescita del 25,35% rispetto al 2016 quando furono 127.746.

Hai dimenticato la password?