Incontro Bilderberg 2018 si farà in Italia

16 febbraio 2018, di Alessandra Caparello

ROMA (WSI) – Si terrà in Italia il Bilderberg 2018, il consueto summit dei grandi della terra che si tiene a porte chiuse, una scelta applicata a partire dall’anno di inizio, il 1954, e imposta dal fondatore, David Rockefeller.

A rivelare questa indiscrezione è il Primo Ministro della Serbia, Ana Brnabic che ha reso noto di aver ricevuto un invito per partecipare alla riunione di quest’anno proprio in Italia. La meta prescelta per l’incontro che si svolgerà dal 7 al 10 giugno prossimo sarà Venezia e non Torino come sembrava in un primo momento.

Il gruppo Bilderberg non consiste in una società, né in una cospirazione: si tratta, invece, di un incontro privato tra potenti di tutto il mondo, che ricorre annualmente, a partire dal primo consesso, che avvenne nel 1954 presso l’Hotel Bilderberg della cittadina olandese di Oosterbeek.

Tale incontro annuale ha lo scopo di porre a confronto i potenti per porre in essere una rete atta a tutelare i loro interessi e a unire le istituzioni finanziarie. L’ultimo summit che si è svolto in Italia risale al 2004. I partecipanti si ritrovarono a Stresa. Tra essi figuravano l’attuale presidente della BCE Mario Draghi, l’ex premier Mario Monti, Marco Tronchetti Provera, Giulio Tremonti, Corrado Passera,  Franco Bernabé e Gabriele Galateri di Genola.

Oltre a Torino un altro capoluogo italiano sembrava essere in lizza per ospitare l’incontro a cui prendono parte industriali, politici e personalità di spicco per discutere del destino del pianeta. L’attivista britannico Tony Gosling, che segue da vicino le vicende del gruppo Bilderberg, aveva osservato i dati sulle prenotazioni delle camere d’albergo nella città della Mole per le date indicate e aveva notato che tutti gli hotel di lusso sembravano essere vuoti.

Facendo una ricerca analoga per gli alberghi di Venezia, si scopre che alcuni hotel sono sold out nel periodo compreso tra il 7 e il 10 giugno, le date in cui avverrà la riunione del gruppo Bilderberg, e si può ipotizzare che la location veneziana prescelta, effettivamente occupata in quei giorni, sia questa, il resort JW Marriott.

Quella che poteva quindi apparire come una mossa per depistare gli eventuali contestatori, si è invece rivelato un fenomeno giustificato dall’arrivo dei potenti della terra nel capoluogo del Veneto.

Hai dimenticato la password?