Immigrati: in un anno prodotta ricchezza pari all’8,8% del Pil

26 ottobre 2017, di Mariangela Tessa

Nel 2015 hanno prodotto una ricchezza di 127 miliardi di euro, pari all’8,8% del Pil, ed hanno dichiarato in media redditi di 11.752 euro annui a testa, pari a un totale di 27,3 miliardi di euro.

Sono alcuni dei dati, rilevati dal Dossier Statistico Immigrazione 2017, a cura di Idos – realizzato insieme al centro studi Confronti e in collaborazione con l’Unar – presentato oggi, da cui emerge che complessivamente nello stesso anno i versamenti Irpef sono stati pari a 3,2 miliardi, in media 2.265 euro a testa (gli italiani 5.178).

“Continua così a essere notevole – rileva il Dossier Idos – il beneficio finanziario assicurato dagli immigrati ai conti pubblici, compreso tra 2,1 e 2,8 miliardi di euro a seconda del metodo di calcolo”.

Il Dossier,  480 pagine ricche di numeri e tabelle, calcola la presenza straniera regolare complessiva in 5.359.000 persone, una cifra poco inferiore a quella degli italiani residenti all’estero, che sono oggi 5.383.199.

Tra il 2007 e il 2016 la popolazione straniera residente in Italia è aumentata di 2.023.317 persone. Roma è la città metropolitana con più residenti stranieri (544.956), segue Milano (446.923).

Dallo studio emerge inoltre che il nostro paesi si sta trasformando sempre più in un Paese-destinazione: sono 14 milioni i potenziali migranti diretti verso l’Italia, mentre i residenti stranieri con permesso di lungo periodo sono ormai la stragrande maggioranza (63%).

Guardando avanti, fra circa 50 anni, si stima che ci saranno 14,1 milioni di residenti stranieri e 7,6 milioni i cittadini italiani di origine straniera, nell’insieme un terzo della popolazione.

L’Italia si colloca a livello mondiale subito dopo la Germania, gli Usa, la Turchia e il Sudafrica per domande di asilo ricevute. Fra gli sbarcati, i minori non accompagnati sono stati 25.842, mentre sono 6.561 quelli che, censiti, si sono poi resi irreperibili. Sono quasi 200 le nazionalità degli stranieri residenti in Italia.

Hai dimenticato la password?