IL SETTORE INTERNET RIMANE ANCORA SOTTO PRESSIONE

30 novembre 1999, di Redazione Wall Street Italia

Gli investitori hanno approfittato di un iniziale forte calo dei titoli azionari sul fronte internet, per ricomprare a prezzi piu’ bassi alcuni dei marchi piu’ noti del settore.

La pressione degli ordini di vendita, cominciata nella seduta di ieri, continua anche oggi e potrebbe intensificarsi di nuovo – dicono gli operatori di Wall Street – a fine giornata. Secondo i trader si assiste a un evidente smobilizzo di posizioni nel settore high-tech e internet, dopo i forti rialzi delle ultime settimane, che hanno portato l’indice Nasdaq a un guadagano del 56% dall’inzio dell’anno.

Perdite diffuse sono state registrate da molte blue chips del settore che la scorsa settimana avevano toccato nuovi massimi. Amazon.com (vedere AMZN, quotazoni interattive) e’ scesa di 3 e 1/2, il 3,9%, a 86 e 15/16; Yahoo! (YHOO) e’ in calo di 5 e 1/8, cioe’ il 2,0%, a 221; eToys (ETYS) ha perso 3 e 1/8, il 4,7%, a 63 e 15/16.

Tra i titoli che hano dovuto sopportare la piu’ forte pressione di vendita America Online (AOL) e’ in calo di 2 e 3/8, cioe’ il 3,0%, a 76 e 5/8. Il motivo e’ che la societa’ ha annunciato che emettera’ 1,25 miliardi di zero-coupon bond convertibili con scadenza 2019.

EMusic.com (EMUS) e’ invece in netto rialzo, di 1 e 3/16, cioe’ il 7,4%, a 17 e 3/16. La societa’, che permette di scaricare musica da internet, ha annunciato l’acquisto di Tunes.com, che gestisce i siti RollingStone.com e DownBeatJazz.com; e’ il terzo network di musica web piu’ visitato del mondo con oltre 28 milioni di page views e circa 1,3 milioni di visitatori unici al mese.

Lo spinoff internet della rete televisiva Nbc, che ha cominciato a essere trattato oggi come titolo separato col simbolo (NBCI) non ha avuto un buon esordio, anche per il clima negativo che grava sul settore oggi. Era in ribasso di 10 e 3/8, cioe’ l’11,7%, in una recente rilevazione, a 78 e 1/8.

Oggi inoltre sono stati diffusi i rating di una nuova matricola quotata dallo scorso mese, Webvan (WBVN); la Goldman Sachs ha messo il titolo nella sua lista di titoli raccomandati, la Bear Stearns ha emesso un rating di ”buy”, e la Deutsche Banc Alex Brown ha iniziato la copertura con uno ”strong buy”. Webvan era in rialzo di 4 dollari, cioe il 16%, a 28 e 11/16.

Infine Donaldson Lufkin & Jenrette ha avviato il rating di Akamai Technologies (AKAM) con una raccomandazione di ”buy”. DLJ era tra i partecipanti al collocamento, il mese scorso. Il titolo ha messo oggi a segno un rialzo di 9 e 3/4, il 4,3%, a 236 e 3/4, dopo essere gia’ salito di 20 punti lunedi’.

Hai dimenticato la password?