Il razzismo si “vede” nel cervello delle persone

21 gennaio 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – In un futuro non molto lontano, le scansioni cerebrali potrebbero stabilire se un individuo ha una propensione al razzismo oppure no. Parola di alcuni scienziati, che hanno condotto uno studio che ha dato risultati sorprendenti, secondo cui le scansioni sarebbero capaci di individuare le differenze nel modo in cui gli esseri umani presentano determinate attitudini razziali verso la gente di colore o verso i bianchi.

Gli psicologi Tobias Brosch dell’Università di Ginevra, in Svizzera e Eyal Bar-David e Elizabeth Phelps, dell’Università di New York, hanno di fatto sottoposto alcuni volontari a un test, facendo vedere loro foto di persone afroamericane e di carnagione chiara, ed esaminando la loro attività cerebrale.

Dallo studio è emerso che il razzismo lascia un’impronta nel cervello. “La diversa attività cerebrale registrata nell’osservazione di persone bianche o nere è nettamente più marcata nei soggetti razzisti che non nelle persone senza pregiudizi”, ha spiegato Tobias Brosch.

L’applicazione di uno studio del genere potrebbe avere molte ripercussioni anche legali.

Diversi avvocati potrebbero per esempio far ricorso alle scansioni per difendere i propri clienti, probabilmente oggetto di epidosi razzisti. C’è solo un ostacolo, non da poco. Il “Brain Imaging”, ovvero la fotografia del cervello, va contro la Convenzione europea dei diritti dell’uomo.

Hai dimenticato la password?