IL BANCHIERE EDMOND SAFRA MORTO IN UN INCENDIO

3 dicembre 1999, di Redazione Wall Street Italia

Era uno dei banchieri più
famosi del mondo, uno degli uomini più ricchi del pianeta.
Edmond Safra è morto in un incendio doloso appiccato
da due persone nel suo appartamento di Montecarlo.

Safra, libanese di 68 anni, è stato presidente e fondatore
della Republic National Bank di New York, e ora era a
riposo perché colpito dal morbo di Parkinson.

Il suo corpo
è stato ritrovato al sesto e ultimo piano del palazzo in cui
abitava e dove ha sede anche l’ufficio monegasco
dell’istituto di credito. Anche la bambinaia della famiglia
Safra è deceduta con lui per le esalazioni. Incolumi,
invece, la moglie e la figlia del banchiere, che stavano
dormendo in un’altra stanza. La guardia del corpo di
Safra aveva cercato di fermare i due incendiari, che lo
hanno accoltellato e ferito molto gravemente.

La morte
del banchiere è avvenuta mentre stanno per entrare nella
fase finale le trattative per l’acquisto della Republic
National Bank da parte della banca londinese Hsbc.

Nelle contrattazioni del pre-borsa a Wall Street i titoli della Republic National Bank of New York sono in riabsso di 15/16 a 70 e 1/2.

Hai dimenticato la password?