I TASSI SUL BOND A 30 ANNI SCHIZZANO AI MASSIMI

19 ottobre 1999, di Redazione Wall Street Italia

Le voci piu’ autorevoli riguardano la Banca Centrale Europea: secondo fonti di Washington sta discutendo se alzare i tassi di interesse di 1/4 di punto nella riunione del prossimo 4 novembre.

Invece non sembrano trovare conferma i rumors riguardanti la Federal Reserve e il possibile rialzo di 1/2 punto dei federal funds il prossimo 16 novembre. A Wall Street era circolata la voce secondo cui l’ultima newsletter di una nota societa’ di ricerche e analisi molto seguita nel mondo finanziario, avesse stampato tale previsione, basata su autorevole fonti ”insider” di Washington. Non pare che ci sia nulla di vero.

La borsa in ogni caso sembra essere stata influenzata dalle voci. Tutti gli indici hanno cominciato ad essere inondati da un flusso continuo di ordini ”sell”. Il rialzo del Dow Jones si e’ ridimensionato da + 200 punti dell’apertura a + 69 punti, ad un certo punto, mentre il Nasdaq e’ addirittura scivolato in territorio negativo (-13 punti) con pesanti e diffuse vendite sulle blue chips dell’indice dei titoli tecnologici: Microsoft, Intel e Dell. La volatilita’ e’ in aumento.

Hai dimenticato la password?