Guru: “Shortate mercati industrializzati mondiali”

15 marzo 2017, di Daniele Chicca

Dopo Goldman Sachs, che ha tagliato a Neutral il giudizio sull’azionario Usa nei prossimi tre mesi, anche un altro analista molto seguito dai trader prevede che le Borse si prenderanno una pausa. Sebbene sia ottimista sull’azionario del Giappone, il guru dei mercati Dennis Gartman, la cui newsletter finanziaria mattutina è tra le più lette a Wall Street, si dice pronto a speculare al ribasso sui mercati azionari industrializzati di tutto il mondo non appena si concluderà l’attesa riunione di politica monetaria della banca centrale americana.

“Abbiamo una posizione lunga sull’azionario giapponese tramite il fondo comune legato alla Borsa qui in Usa, ma siamo rialzisti soltanto su quegli ETF che offrono protezione contro la debolezza dello yen giapponese”, si legge nella sua nuova nota. A livello di tempismo, il consiglio è di entrare non appena l’indice Nikkei chiuderà sopra i 16.750 punti.

Il secondo consiglio in merito ai mercati azionari riguarda i mercati del resto del mondo industrializzato. “Ci siamo trattenuti dall’assumere posizioni in vista della riunione della Fed di marzo e non lo faremo nemmeno oggi. A meno che non si verifichino eventi sorprendenti nel meeting di stasera, quasi certamente agiremo domani. Prima di quel momento restiamo in attesa”.

La Fed annuncerà la sua decisione sui tassi alle 19 italiane di oggi e mezz’ora dopo Janet Yellen terrà la conferenza stampa consueta sulla strategia di politica monetaria americana. Il rialzo dei tassi viene dato per scontato dai mercati, ma sarà importante capire quale sarà il ritmo del ciclo di strette monetarie da qui in avanti. La Fed punta a tre rialzi dei tassi, ma JP Morgan e Mohamed El-Erian, consulente di Allianz, vedono fino a quattro rialzi del costo del denaro quest’anno.

Hai dimenticato la password?