Guru pubblicità: “Sarete pagati per condividere i vostri dati”

25 maggio 2018, di Alessandra Caparello

NEW YORK (WSI) –  In un futuro non molto lontano i consumatori saranno pagati per condividere i loro dati personali. A dirlo il presidente di una delle più grandi aziende pubblicitarie del mondo, Maurice Levy, l’ex amministratore delegato e ora presidente di Publicis Groupe, il terzo gruppo di comunicazione al mondo.

Il chairman del gigante pubblicitario francese da 15,8 miliardi di dollari ha previsto che sempre più consumatori vorranno monetizzare i loro dati personali e una terza parte agirà da intermediario tra le aziende dei social media e i loro clienti.

“Ci sono già alcune voci che circolano che stanno già parlando della monetizzazione. Dal mio punto di vista, dal punto di vista pubblicitario, vedremo molti cambiamenti in futuro”.

Così dice Levy – guru del mondo della pubblicità online – parlando alla CNBC al vertice di VivaTech a Parigi venerdì.

“So che alcuni governi non sono a favore, ma quando il consumatore dice: ‘C’è tutta questa ricchezza di informazioni che si sta utilizzando e l’unica cosa che sto ricevendo è un servizio gratuito. Ma stai ottenendo molto di più da me, e forse dovrei ottenere una parte di quel reddito”. E sono assolutamente convinto che questo sarà il futuro”.

Attualmente, le persone che utilizzano i social media come Facebook hanno accesso a un servizio gratuito in cambio dell’utilizzo dei loro dati da parte dell’azienda per l’invio di annunci pubblicitari. Un modello di azienda che ha cominciato a scricchiolare quando è stato rivelato che i dati di Facebook riguardanti 87 milioni di persone sono stati condivisi con Cambridge Analytica, una società di consulenza ormai defunta accusata di utilizzare il profilo “psicografico” degli utenti di Facebook per influenzare gli elettori per i suoi clienti politici.

“Più parliamo dell’uso dei dati, più ci sono persone che dicono ‘ehi ragazzi, dove sono i miei soldi, si utilizzano le mie informazioni, si utilizza tutto ciò che riguarda me stesso, ma voglio una parte delle vostre entrate’.

Hai dimenticato la password?