Guerra dazi: ancora progressi ma strada è lunga

10 gennaio 2019, di Alessandra Caparello

Alcuni progressi sembrano essere stati fatti ma c’è ancora molta strada da fare prima di giungere ad un accordo significativo. Questo il parere in sintesi di molti analisti in merito all’ultimo round di negoziati commerciali tra i funzionari di Pechino e Washington.

Ieri sono terminati i tre giorni di colloqui che hanno visto per la prima volta i funzionari delle due superpotenze parlarsi faccia a faccia da quando il presidente Donald Trump e il suo omologo cinese Xi Jinping si sono incontrati a Buenos Aires e hanno concordato una tregua di 90 giorni per la guerra commerciale.

Al termine dei tre giorni di colloqui la delegazione commerciale degli Stati Uniti ha rilasciato una dichiarazione in cui ha annotato una lunga lista di questioni in sospeso nel rapporto tra le due maggiori economie del mondo – tra cui “trasferimento tecnologico forzato, protezione della proprietà intellettuale, barriere non tariffarie, intrusioni informatiche e furto cybernetico di segreti commerciali per scopi commerciali, servizi e agricoltura”.

Tuttavia, la dichiarazione ufficiale ha anche riconosciuto che la Cina si era impegnata a comprare “una notevole quantità di prodotti agricoli, energetici, manifatturieri e altri prodotti e servizi” dagli Stati Uniti

 “Ci sono stati diversi segnali di modesti progressi da questi colloqui di medio livello. In primo luogo, i negoziati sono stati prorogati di un giorno sul programma originale, indicando una discussione abbastanza approfondita per mantenere almeno i funzionari al tavolo. Il terzo giorno si è concentrato sulle questioni strutturali più spinose sollevate dalla parte statunitense in richieste dettagliate presentate a Pechino nel maggio 2018″.

Così recita una nota redatta da un gruppo di esperti della società di consulenza sui rischi politici Eurasia Group citata dall’emittente CNBC.

In secondo luogo, la dichiarazione del rappresentante commerciale degli Stati Uniti ha rilevato che la Cina si è impegnata ad acquistare una quantità sostanziale “di esportazioni statunitensi, tra cui agricoltura, energia e manufatti. Una dichiarazione che suggerisce, come ci aspettavamo,  che Pechino sta attuando una strategia di acquisto aggressivo dei beni degli Stati Uniti nella speranza che diminuisca la pressione sulla Cina per intraprendere strutture strutturali difficili le misure ”

La Cina, da parte sua, ha dichiarato tramite il ministero del commercio che i colloqui appena conclusi con gli Stati Uniti sono stati estesi e hanno costituito una piattaforma solida per future discussioni. Il presidente del Consiglio d’affari USA-Cina Craig Allen ha affermato in un comunicato di essere “soddisfatto del fatto che i due governi abbiano avuto sostanziali discussioni negli ultimi tre giorni”, tuttavia, ha osservato che la comunità degli affari è preoccupata per qualcosa di più della semplice bilancia commerciale tra le due superpotenze economiche.

Esortiamo entrambi i governi a impiegare il tempo rimanente nel periodo di negoziazione di 90 giorni per compiere progressi tangibili sulle questioni importanti al centro dell’attuale controversia.

 

Hai dimenticato la password?