Goldman Sachs: “i motivi per cui i mercati non ripiegheranno”

12 settembre 2017, di Livia Liberatore

Secondo gli analisti di Goldman Sachs, così tanti investitori si aspettano una correzione sui mercati che è probabile che non avvenga. I più pessimisti temono che alcuni fattori, fra cui una politica più rigorosa da parte della Fed, possano portare a una correzione, ma un ottimismo calmo e una forte volontà dei consumatori sono d’ostacolo a questa prospettiva. Le previsioni di una correzione sono diffuse di recente, perché è passato molto tempo da quando c’è stata una correzione l’ultima volta.

L’S&P 500 ha passato 14 mesi senza un calo del 5% e 19 mesi dall’ultima correzione piena o caduta del 10%. La posizione dell’analista David Kostin ha un obiettivo di 2400 su S&P 500 quest’anno, che implicherebbe un calo del 2,5% rispetto alla chiusura dello scorso venerdì. Fra i fattori che, oltre a una politica della Fed più rigorosa, potrebbero determinare uno scivolamento dei mercati, ci sono la volatilità, l’incertezza politica e il calo dei rendimenti obbligazionari.

Tuttavia, secondo Kostin, i fattori che convergono verso una correzione del mercato sono “un evento a bassa probabilità“, a causa dell’atteggiamento controllato dei mercati e della forte spesa al consumo, che rappresenta il 69% del Pil del secondo trimestre.

Kostin non è il solo a credere che il mercato sia sostenuto da una solida base. Secondo Jim Paulsen, capo investimenti strategici di Leuthold Group, invece che concentrarsi sulle modeste manovre restrittive della Fed, gli investitori dovrebbero prendere nota dello stimolo economico significativo fornito dal dollaro debole e da rendimenti obbligazionari più bassi.

“Senza dubbio il mercato azionario declinerà ad un certo punto”, ha detto Paulsen, “ma con tutta probabilità lo farà quando i suoi fondamentali economici si abbatteranno”.

Hai dimenticato la password?