Germania faciliterà uscita dall’euro dei paesi membri

18 ottobre 2017, di Alberto Battaglia

Il leader del partito Liberale Democratico tedesco (Fdp), Christian Lindner, è convinto che il prossimo ministro delle Finanze tedesco dovrebbe lavorare a favore di una revisione dei trattati che contempli l’eventuale uscita dall’euro di un membro dell’Eurozona. L’uomo, ritenuto fra i possibili candidati proprio per quella poltrona a lungo mantenuta da Wolfgang Schaeuble, lo ha dichiarato in un’intervista rilasciata al quotidiano tedesco Frankfurter Allgemeine Zeitung.

“Penso che la cancelleria e il ministero delle Finanze dovrebbero essere politicamente separati: un ministro Verde, della Csu o della Fdp, sarebbero ciascuno migliori rispetto a un ministero nelle mani della Cdu” di Angela Merkel, ha detto Lindner. Nel resoconto fornito da Reuters Lindner avrebbe chiarito che le posizioni della Fdp rimangono intransigenti sul fronte europeo “compresi richiami a un meccanismo di insolvenza per l’Eurozona e cambiamenti dei trattati che consentano ai paesi di lasciare l’euro”. Attualmente non sono previste modalità per recedere dalla moneta unica, salvo innescare il processo più generale di separazione dall’Unione Europea.

 
Lindner, al contrario, ha respinto l’idea di trasformare l’Esm (Fondo salva-stati) in un equivalente europeo del Fmi, in grado di fornire sostegno finanziario ai Paesi in crisi, un’idea supportata dallo stesso Schaeuble. “In un’unione monetaria nella quale le regole sul deficit di Maastricht sono rispettate non c’è necessita di un fondo di salvataggio permanente”, ha detto Lindner. Il leader di Fdp, inoltre, si è detto scettico sulla possibilità di creare un fondo interbancario europeo a tutela dei depositi.

 

Le dichiarazioni di Lindner diventano un segnale assai difficile nell’ottica di una possibile riforma dell’Unione Europea: infatti, il sostegno della Fdp nella futura coalizione di governo in Germania è essenziale, visto il diniego dei socialisti a proseguire l’alleanza della precedente legislatura. Resta da capire come Merkel potrà mediare un programma e proseguire il percorso di riforma delineato assieme al presidente francese, Emmanuel Macron.

Hai dimenticato la password?